Lega Nord, finanziame​nti in fumo e Reggio: le “Coop padane”

Lega Nord, finanziamenti e Reggio: le “Cooppadane” ed il denaro andato in fumo dei leghisti reggiani. La lettera di protesta del 2000 a Calderoli da parte di Genesio Ferrari e militanti reggiani. Un episodio simbolo, che ben pochi conoscono, già denunciato a Reggio nel dicembre 2010 da Leonardo Facco durante la presentazione del libro organizzata dal Movimento 5 Stelle. I partiti invece di blaterare facciano come noi: rinuncino al finanziamento pubblico ai partiti. Si puo’ fare subito, basta una firma.

Lega Nord, finanziame​nti in fumo e Reggio: le "Coop padane"

Lega Nord, finanziamenti e Reggio: le “Cooppadane” ed il denaro andato in fumo dei leghisti reggiani. La lettera di protesta del 2000 a Calderoli da parte di Genesio Ferrari e militanti reggiani. Un episodio simbolo, che ben pochi conoscono, già denunciato a Reggio nel dicembre 2010 da Leonardo Facco durante la presentazione del libro organizzata dal Movimento 5 Stelle. I partiti invece di blaterare facciano come noi: rinuncino al finanziamento pubblico ai partiti. Si puo’ fare subito, basta una firma.

Acqua, anche Lega e Riva (IDV) a sostegno dello scorporo, Delrio solo con 4 gatti

Anche la Lega Nord reggiana trae le logiche conclusioni: l’acqua va scoporata da IREN. Intanto il consigliere comunale e regionale dell’IDV, Matteo Riva, dà il suo sostegno allo scoporo e ad un eventuale referendum per la raccolta firme. Si defila in tal modo dal suo Partito che ha dato il sostegno a Delrio. Il sindaco è rimasto quasi solo, assordante il silenzio del Partito vendoliano di SEL.

Il nuovo tabù reggiano: non dir che 5stelle toglie voti a Lega e PDL

Quando alle regionali abbiamo visto voti disgiunti 5 Stelle-PDL, punto interrogativo. Quando ti fermano 3 persone in due ore che confessano di aver abbandonato il voto a Silvio-Lega per le 5 Stelle, specie se non è la prima ma l’ennesima volta, ti sorge qualche dubbio. I dati di queste ultime elezioni sono così chiari, che bisogno essere più o meno ciechi. E non c’è peggior cieco di chi non vuol vedere. Ma diciamolo piano, perchè a Reggio c’è un nuovo tabù.