Una piccola vittoria contro il TTIP

Una piccola vittoria lunedi scorso in Consiglio Comunale. Approvata la nostra mozione d’indirizzo con la quale abbiamo chiesto che il Comune di Reggio esprimesse la propria preoccupazione verso il TTIP, ossia il trattato di libero commercio tra Unione Europea e Stati Uniti, i cui negoziati segreti sono in corso da tempo e potrebbero arrivare a conclusione entro l’inverno.

“Naturalmente”, spiega Norberto Vaccari, “i comuni non hanno poteri su questioni di questo genere, ma è in corso in tutta Italia una mobilitazione dell’opinione pubblica contro questo trattato che, se passerà, rischia di portare all’abbattimento di ogni norma per la sicurezza alimentare, colpire la qualità di servizi come l’istruzione , i servizi sociali e sanitari e le tutele del lavoro, spalancando le porte a privatizzazioni – ricordiamo che è a rischio anche il referendum per la ripubblicizzazione dell’acqua – e tutto ciò che è di ostacolo alle grandi multinazionali.

Per questo il M5S ritiene necessario che anche i consigli comunali, primi rappresentanti degli interessi dei cittadini, partecipino simbolicamente a questa mobilitazione. Tanto più nella nostra città, che basa gran parte del suo benessere su un fiorente e rinomato settore agroalimentare.

“L’approvazione della mozione” continua Vaccari “è una piccola vittoria di tutti e per la quale tutti portano merito a prescindere da parti e bandiere, ed è un bel segnale per l’ormai prossima manifestazione internazionale del 18 aprile che porterà i cittadini nelle piazze di tutto il Paese per gridare il proprio NO a questo folle Trattato”. Anche a Reggio il locale comitato No-TTIP si ritroverà in città per manifestare e coinvolgere i cittadini, ancora troppo poco informati su quello che sta accadendo.

La mozione è stata approvata coi voti M5S e delle opposizioni, registrando l’astensione di Sel e PD. Parallelamente è stato approvato un ordine del giorno con il quale si è richiesta la convocazione di una commissione speciale sul tema, nella quale ascoltare le opinioni degli attori economici locali e dei rappresentanti del comitato, proposta dalla maggioranza e votata costruttivamente anche dal M5S.

One comment

  1. Mi pento di avervi votato: non succederà più, ve lo garantisco. Siete troppo ingenui: cosa gliene frega alle multinazionali di una mobilitazione di cui non si accorge nessuno?

Rispondi a Emanuele Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.