Trasporto di persone con disabilità: TRANSCOOP BUS condannata dall’Antitrust

TRANSCOOP BUS è stata condannata per restrizione alla concorrenza nel trasporto di persone con disabilità di Reggio Emilia. A ciò si aggiungono le numerose lamentele dei cittadini per il servizio. La denuncia pubblica della Lista Civica Reggio 5 Stelle.

TRANSCOOP BUS è stata condannata per restrizione alla concorrenza nel trasporto di persone con disabilità di Reggio Emilia. A ciò si aggiungono le numerose lamentele dei cittadini per il servizio. La denuncia pubblica della Lista Civica Reggio 5 Stelle.

La vicenda del trasporto di persone con disabilità a Reggio Emilia è un grattacapo in cui a far le spese, come sempre, sembrano essere gli utenti, persone con noti e gravi problemi motori.

A fare chiarezza in questo quadro è stata l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, che nel Bollettino Settimanale del 21 giugno 2010, ha pubblicato la decisione di condanna a ristabilire le condizioni di concorrenza del mercato.

I fatti

Tre società specializzate nel trasporto di persone con disabilità, aderenti a TRANSCOOP BUS, segnalano all’Antitrust che la TRANSCOOP BUS stessa non consente loro di uscire dal consorzio di imprese per svolgere autonomamente l’attività di trasporto.

Ad impedirlo un articolo del Regolamento interno di TRANSCOOP BUS , punto 4, art. 2,:

“è fatto divieto assoluto ai soci di porsi in concorrenza con la cooperativa, servendo o comunque prendendo contatti diretti con i clienti serviti da TRANSCOOP BUS”.

“l’impresa socia si impegna, dalla data di perdita della qualità di socio (a seguito di recesso o di esclusione) a rispettare il seguente patto di non concorrenza: l’impresa associata, dopo l’uscita dal consorzio TRANSCOOP BUS, si impegna a non effettuare concorrenza al consorzio stesso proponendosi ai clienti serviti negli ultimi 5 anni tramite TRANSCOOP BUS”

In sostanza, se esci da TRANSCOOP BUS non puoi più fornire servizi ai clienti con cui hai abitualmente lavorato negli ultimi 5 anni.

Il 6 settembre 2007 Transcoop Bus estende ancor di più questo divieto:

“L’impresa associata, dopo l’uscita dal consorzio TranscoopBus, si impegna a non effettuare, direttamente, indirettamente e/o anche tramite imprese individuali, società o consorzi in cui il titolare dell’impresa individuale o il legale rappresentante della società uscita dal consorzio divenga titolare o socio e/o venga a ricoprire la carica di amministratore o di dirigente, attività in concorrenza al consorzio stesso, per un periodo di 2 (due) anni successivi alla cessazione del rapporto consortile e limitatamente ai clienti serviti negli ultimi 5 (cinque) anni tramite TranscoopBus. Il presente patto è limitato al territorio dell’Emilia Romagna”.

Imponendo nella sostanza che chi esce da TRANSCOOP BUS non può fare nessun tipo di trasporto non solo con la sua impresa, ma anche con una società eventualmente ricostituita, per i successivi 2 anni in tutta l’Emilia Romagna.

Le tre imprese chiedono di poter uscire dal Consorzio, ma TRANSCOOP BUS si oppone ai sensi dello Statuto, perché sostiene che non ci siano le condizioni. Le tre imprese invece sostengono che, siccome viene violata la possibilità di agire in regime di concorrenza, si sentono legittimate ad uscire dal Consorzio Transcoop Bus. Su questo è attualmente in corso un arbitrato, avviato con  atto del 21 maggio 2009, presso la Camera di Commercio di Reggio Emilia.

Risultato: secondo TRANSCOOP o si rimane dentro o non si lavora per 2 anni. Cioè non si lavora, perché il regolamento del Comune di Reggio Emilia prevede che le autorizzazioni per l’esercizio dell’attività di trasporto con noleggio con conducente decadano nel caso di sospensione dell’attività per un periodo superiore a sei mesi.

Ma sulla concorrenza non la pensa così l’Antitrust, la quale delibera “che il Consorzio TRANSCOOP BUS s.c. ponga immediatamente fine all’infrazione accertata e adotti le misure necessarie per ristabilire le condizioni di concorrenza nel mercato, comunicando all’Autorità, entro trenta giorni dalla notifica del presente provvedimento, le iniziative assunte a tal fine”.

Questo conferma gli esiti dell’istruttoria inviati ai soggetti interessati in data 19 febbraio 2010, un cui l’Anitrust contestava a TRANSCOOP alcune disposizioni consortili contenute nel regolamento interno e una serie di condotte basate su tali disposizioni volte ad ostacolare l’uscita dalla compagine sociale dei segnalanti, al fine di impedire che essi svolgessero autonomamente il servizio di trasporto di persone con disabilità tramite noleggio con conducente, in concorrenza con lo stesso TRANSCOOP BUS, così limitando artificialmente la concorrenza nel mercato.

Le lamentele dei cittadini, la filiera dei controlli non funziona

Negli ultimi mesi diversi cittadini ci hanno segnalato:

–         che i mezzi di trasporto di persone con disabilità sono spesso sporchi;

–         che la copertura del servizio è parziale, per cui se devo chiamare un mezzo per andare in centro devo pagare, come persona con disabilità, 7 euro all’andata e 7 euro al ritorno. Un signore mi dice testualmente: “14 per un caffè a Piazza Prampolini mi sembra davvero troppo!”

–         che quindi la copertura del servizio è garantita solo per scuole, sport ed altri sevizi sociali di questo tipo, mentre la vita di una persona con disabilità, come quella di tutte le persone, non è chiusa in sfere determinate all’Amministrazione Comunale.

–         Che molte linee di autobus dovrebbero essere attrezzate di pedane, per rendere autonomi i disabili, ma molte pedane installate non funzionano per mancanza di manutenzione.

Chi deve controllare?

Dal 1998 l’Amministrazione Comunale ha affidato alle Farmacie Comunali Riunite il servizio disabili. A partire dal 2004 l’ACT, l’azienda dei trasporti, è divenuta un’Agenzia, ed ha gestito la gara per conto di Farmacie Comunali Riunite in base ad una apposita convenzione. La gara è stata vinta da TIL, società di trasporti controllata al 94.51 % da ACT, che ha poi affidato il 65% dei trasporti a TRANSCOOP BUS, il 15 % ad altri consorzi e il 20% l’ha gestito in casa.

L’Amministrazione Comunale pensa che quello delle persone con disabilità sia un problema di altri, in tutte queste scatole cinesi fatte di affidamenti, convenzioni, gare e subappalti?

Le Farmacie Comunali Riunite credono di essere esentate da ogni tipo di controllo solo perché la gara è gestita da ACT in base ad apposita convenzione?

ACT come Agenzia avrebbe proprio il compito di controllare che il trasporto pubblico, tra cui quello delle persone con disabilità, avvenga correttamente: TIL è una sua creatura, perché non controlla?

Infine TIL, ecco cosa dice riguardo a TRANSCOOP BUS rispondendo all’Antitrust: “ per TIL non risultava conveniente la presenza di TRANSCOOP BUS quale unico fornitore del servizio di trasporto disabili, in quanto lo stesso non era in grado di garantire un’adeguata efficienza e qualità del servizio”. La qualità del servizio, in osservanza ai fattori indicati nel contratto, e il rispetto degli obblighi in capo al subaffidatario, sono controllati da TIL, come ricordato dall’Antitrust.

Porteremo la questione in Consiglio Comunale lunedì con un ordine del giorno d’urgenza, per fare chiarezza sul sistema e sulla filiera dei controlli.

Comments:5

  1. ho lavorato per qualche anno come autista di veicoli adibiti al trasporto di persone anziane e diversamente abili a reggio emilia.
    ho smesso di farlo perche’ sono stato accusato di non rispettare le persone
    trasportate e di essere sempre in ritardo nel svolgere il servizio.
    il mio commento non e’ cambiato!

    distinti saluti

  2. Pian piano i nodi vengono al pettine…!
    Al Sig. Francesco vorrei dire che l’intera modalità di organizzazione del trasporto disabili è irrispettosa degli utenti ai quali si rivolge.

    Un esempio per tutti? Quello degli autisti che devono accompagnare i disabili, spesso anziani e con molta lentezza nei movimenti, fin dentro casa abbandonando così il furgone sulla strada con le persone dentro da sole. Spesso poi in casa ci sono i familiari e le badanti che potrebbero (sono loro familiari o no?) accompagnarli loro, ma si limitano a guardare la scena dalle scale o dalle finestre. Le persone che rimangono sole dentro il mezzo ricordiamo che spesso hanno disabilità psichica e non è sempre possibile prevedere cosa possano fare in assenza dell’autista, dal gridare, all’alzarsi, al togliere il freno a mano, e così via, e se ci fosse necessità di fuggire?
    L’autista è iscritto al Ruolo e in quanto tale ha la responsabilità del mezzo che guida, e siccome si tratta di noleggio con conducente non dovrebbe mai scendere dal mezzo. Io, persona con disabilità, non mi sento sicura in una situazione del genere. Sanno a Reggio Emilia che nel resto dell’Italia esiste la figura dell’accompagnatore?
    E l’autista è assicurato in caso succeda qualcosa per le scale o sul pullmino in sua assenza visto che non dovrebbe mai abbandonare il mezzo? Cosa dice il regolamento a questo proposito? Ogni servizio di trasporto ha un regolamento che viene distribuito a tutti gli assunti, qualcuno ha avuto il piacere di ricevere o quanto meno di vedere quello della TIL? Esiste un regolamento?

    Quindi in primis a non rispettare le persone sono le famose FCR che gestiscono il trasporto in questo modo e il Comune che glielo permette.

    Per quanto riguarda il ritardo, beh, se i servizi che hanno gli autisti sono uno attaccato all’altro perchè più si portano persone e più si guadagna è ovvio e naturale che arrivano in ritardo. Personalmente preferisco essere trasportata a una velocità decente piuttosto che sfrecciare per la città solo perchè l’autista deve arrivare in orario dalla persona successiva. E temo che non sia colpa dell’autista, ma di chi organizza i giri così stretti e vicini l’uno all’altro.

    Ah, tra l’altro nella Carta dei Disabili di Reggio Emilia c’è scritto che il trasporto è effettuato da personale formate per fare quel lavoro: ma da chi? Ma quando? Ma se viene chiesto agli autisti di usare delle carrozzine monta-scale senza nemmeno insegnare loro come si fa?

    Parole, parole, parole.
    Sì, credo che Reggio Emilia sia la città delle parole più che la città delle persone,

    Forza Movimento, continuiamo a pettinare che prima o poi i nodi si sciolgono!

  3. anche io vorrei segnalare una cuestione non molto chiara..

    un anno fa ho partecipato ad un bando di ncc noleggio con conducente del comune di correggio gestito dallaa ACT..QUI VIENE IL BELLO ESSENDO DI

  4. anche io vorrei segnalare una questione non molto chiara..

    un anno fa ho partecipato ad un bando di ncc noleggio con conducente del comune di correggio gestito dallaa ACT..QUI VIENE IL BELLO (…ESSENDO DI
    correggio sono arrivato ultimo) eravamo in 15….e i partecipanti erano gli stessi consorsiati della act…tranne me ovviamente…..guarda casoil bando è stato vinto da un affiliato a transcop. Allora mi sono chiesto : ” non è un conflito d’interesse…?” pensare che nella graduatoria a far da punteggio conta molto il reddito ISEE e colui che ha vinto è un grosso imprenditore di Fogliano ma risulterebbe avere un Isee inferiore al mio…???? Poi ho segnalato il tutto al Comune di Corregggio alla signora…………che mi avrebbe risposto che la licenza e stata vinta regolarmente e che non era compito suo controllare se lui lavorava nel territorio di correggio ( avendone l’obbligo essendo anche licenza x disabili.)….e con questo chiudo dicendo che chi organizza e gestisce anche a livello di commissione il bando di concorso non può far partecipare e favorire i propri affiliati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *