TARIFFA ACQUA PRO CAPITE: I CITTADINI ASPETTANO I FATTI

Dopo l’approvazione all’unanimità (27 votanti su 27 presenti ) della mozione del Movimento 5 Stelle (a firma dei consiglieri Bertucci, Guatteri, Soragni) sull’adozione anche a Reggio Emilia della tariffa pro-capite ora i cittadini si aspettano fatti concreti da parte del sindaco Vecchi e dell’amministrazione. Riportiamo come pro memoria ad amministrazione d Iren quanto votato all’unanimità dal consiglio comunale, cioè la massima espressione democratica cittadina. “Che si faccia portavoce del disagio dei cittadini parsimoniosi che attualmente consumano poca acqua e sono ad oggi penalizzati dal sistema tariffario del servizio idrico in vigore a Reggio Emilia che non tiene minimamente in considerazione la composizione famigliare (salvo che per nuclei superiori alle 6 unità che sono una percentuale irrilevante) e che si attivi in sede di consiglio ATERSIR per far si che anche a Reggio Emilia venga attivata nel più breve tempo possibile la tariffa PRO-CAPITE sul modello di Modena partendo dalle utenze singole che sono più semplici da attivare,per poi passare alle utenze centralizzate”.
Ricordiamo sempre riprendendo le parole del documento votato all’unanimità dal consiglio comunale che “Il Sindaco di Reggio Emilia ha un peso notevole nell’ente ATERSIR che stabilisce le tariffe idriche e accessorie che gravano su cittadini, aziende,scuole, piscine, edifici pubblici. Le tariffe idriche attualmente in vigore a Reggio Emilia non tengono conto del numero di componenti ,una famiglia di 4 persone è molto penalizzata economicamente rispetto a un nucleo di un solo componente a parità di consumo pro/capite”.
Inoltre: “L’applicazione della tariffa pro-capite incentiva il risparmio dell’acqua premiando i consumi corretti e penalizzando gli sprechi, in linea con gli indirizzi regionali. tiene conto della composizione del nucleo famigliare e non solo del totale dei consumi , garantendo
a tutti un equa dotazione pro capite giornaliera , venendo incontro alle esigenze delle famiglie e dei nuclei con una sola persona che sono in aumento, introduzione della tariffa PRO-CAPITE sul modello Modena porterebbe la spesa annuale per una persona sola dagli attuali 40€/anno a circa 22€/anno per un consumo di massimo di 25 m3/anno”. A livello pratico per l’attuazione del piano di passaggio alla tariffa pro capite “l’attuale gestore (con il data base in uso per la TARI) ha già gli strumenti e le conoscenze a livello informativo/informatico per avviare la tariffa PRO-CAPITE.
Gianni Bertucci
consigliere comunale

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.