Sui diritti dei cittadini PD-IDV-SEL se la prende comoda

Salta il numero legale in Sala del Tricolore sulla fusione ENIA IRIDE e sull’acqua pubblica. Un’ora e otto minuti di ritardo dell’armata Brancaleone del PDmenoelle, del PDV e del PDSEL. 30 cittadini pronti a testimoniare, presenti con ampio anticipo. Si replica il 31 marzo, rimanete sintonizzati.

Salta il numero legale in Sala del Tricolore sulla fusione ENIA IRIDE e sull’acqua pubblica. Un’ora e otto minuti di ritardo dell’armata Brancaleone del PDmenoelle, del PDV e del PDSEL. 30 cittadini pronti a testimoniare, presenti con ampio anticipo. Si replica il 31 marzo, rimanete sintonizzati.

Quando io e il Consigliere Iotti della Lega siamo arrivati in aula, oggi, alle 15.00, ci siamo subito chiesti se ci eravamo sbagliati. Soli per diverso tempo, con il pubblico che stava arrivando in Sala del Tricolore, ci stavamo quasi convincendo che la convocazione fosse per le 16, non per le 15.

Ma la presenza dei cittadini stessi, e soprattutto del Segretario, dei funzionari di Sala, dei dipendenti comunali, tutti ligi al dovere e naturalmente presenti all’orario giusto, ci ha confermato che la convocazione era proprio per le 15.

Alle 15.50 tutti i consiglieri dell’opposizione tranne 2 erano arrivati alla chetichella. Il Regolamento Comunale prevede un’ora di tempo dalla convocazione per accertare la presenza del numero legale, nel numero di 21.

Alle 16.00, un pubblico infastidito per le assenze, chiedo la verifica del numero legale. Assenti il rappresentante di Sinistra e Libertà, assente Italia dei Valori, il numero legale manca all’appello, solo 20 consiglieri in aula. Mancano anche 3 consiglieri del PD all’appello.

Alcuni questi erano naturalmente riuniti in una riunione di maggioranza, il che testimonia quanto erano pronti a discutere l’argomento!!

Ricordiamo che alle 13.46, cioè 2 ore e un quarto prima, Reggio 5 stelle beppegrillo.it aveva già inviato un comunicato agli organi di stampa con ben 20 ordini del giorno, per  dire quanto eravamo pronti, noi, a discutere di acqua pubblica.

Il nervosismo della maggioranza certifica la sottovalutazione della questione, considerando la fusione ENIA IRIDE come un problema qualsiasi della città, quando è la madre di tutte le battaglie per una giustizia ed equità nei servizi al cittadino.

Comments:4

  1. Concordo con Fabrizio. Da ipocriti quali sono, preferiscono discutere dopo le elezioni della questione. Visto che forse nono hanno nemmeno le SFERE per dire chiaramente che vogliono privatizzare l’acqua!!! Stessa solfa dell’inceneritore! Lo vogliono ma non hanno il coraggio di dirlo chiaramente.
    Forse però non hanno considerato che qualche cittadino infastidito gli toglierà il voto comunque. Sono finiti. E’ solo questine di tempo.
    Grazie Matteo per tutte le informazioni che ci fornisci. Provvederemo subito a farle girare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *