Si aprano le porte. Lasciate che i cittadini entrino e cambino il mondo.

Le circoscrizioni di Reggio gestiscono decine di sale civiche e hanno la delega per concedere questi spazi a coloro i quali ne fanno richiesta. Veri e propri luoghi di incontro fra cittadini, associazioni e comitati. In queste sale vengono presentati molti dei progetti provenienti dalla Reggio che si attiva, vengono organizzati convegni e dibattiti, mostre oppure semplici riunioni.

Leggendo il regolamento alcuni punti, spece i criteri di concessione, ci sono sembrati poco chiari. Abbiamo presentato una mozione per aprire un dibattito in consiglio e per chiedere che vengano semplificati i punti oscuri del regolamento vigente e visti i continui tagli, di poter destinare alle circoscrizioni gli incassi derivati dalle concessioni delle sale per poter finanziare i progetti che vengono presentati dalla società civile di Reggio.

MOZIONE IN MERITO ALLA CONCESSIONE E ALL’UTILIZZO DELLE SALE CIVICHE

Considerato che:

• le Circoscrizioni sono storicamente considerate un punto di riferimento per molte associazioni e cittadini che organizzano attività sociali, culturali e sportive di vario genere e senza scopo di lucro;
• queste realtà territoriali sono spesso prive di sale dove riunirsi per sviluppare o per presentare al pubblico i propri progetti: per questo motivo è da ritenersi importante il ruolo della Circoscrizione in merito alla concessione delle sale civiche;
• con la circolare del 17/05/2010 P.S. n. 64/2010 tramite il Servizi di Manutenzione è stata verificata l’agibilità delle sale civiche e la capienza delle stesse;
• ad oggi in tali sale possono essere svolte:
◦ le attività istituzionali (attività organizzate direttamente dalle Circoscrizioni);
◦ attività non istituzionali non qualificabili come pubblico spettacolo e pubblico intrattenimento;
• il vigente Regolamento sulle procedure di gestione del patrimonio immobiliare, all’art. 4 co. 1 lett. a) stabilisce che le sale “potranno essere usate per riunioni di diversa natura”;
• il Servizio Servizi di Manutenzione qualifica “come pubblico spettacolo o pubblico intrattenimento ogni attività che preveda accesso indistinto di pubblico” e in quanto tale le sale non possono essere concesse per riunioni, convegni ed eventi dove il pubblico accesso è da considerarsi indistinto (riunioni di diversa natura);
• come da circolare sopra citata il concessionario deve comunque dichiarare di essere responsabile dell’accesso alla sala di un numero di persone inferiore alla capienza riportata sul regolamento vigente.

Ritenuto che:

• sia importante permettere ad associazioni e cittadini di riunirsi in tali sale per organizzare attività di vario genere e senza scopo di lucro, fermo restando i limiti imposti dalla capienza massima della sala;
• il concessionario della sala solleva tuttora l’amministrazione dalla responsabilità derivante dall’ingresso di un numero di persone nella sala superiore alla capienza, come citato nel modulo di richiesta di concessione;
• le circoscrizioni hanno subito tagli pesantissimi in questi ultimi anni ed il ricavato per le concessioni delle sale, ad oggi versato al Comune, potrebbe risultare vantaggioso per creare un fondo con il quale la Circoscrizione potrebbe finanziare i progetti che la società civile presenta sia in forma privata che nelle commissioni di lavoro della circoscrizione.

Il consiglio di circoscrizione impegna la Presidente a:

• semplificare e chiarire con l’amministrazione comunale e il dirigente competente il regolamento ed i criteri per la concessione delle sale civiche, assicurandosi di garantire l’ utilizzo e la più ampia fruizione delle stesse per riunioni ed iniziative di vario tipo, rimarcando al concessionario l’obbligo di rispettare la capienza della sala;
• chiedere al dirigente/assessore competente di poter destinare alle circoscrizioni gli incassi derivati dalle concessioni delle sale civiche del loro territorio per poter finanziare i tanti progetti presentati in Circoscrizione, salvo discussione nelle varie commissioni di lavoro ed approvazione in Consiglio, come già previsto dal regolamento.

I consiglieri a 5 Stelle

Alessandro Marmiroli -Sud
Davide Valeriani – NordEst
Vito Cerullo – Ovest

Comments:0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *