Sabbione e Gavasseto ancora senza fogne!

Può sembrare uno scherzo che, nel 2011, una città come Reggio Emilia non riesca a garantire ai propri cittadini un servizio essenziale quale quello delle fognature. Purtroppo, non è uno scherzo!

Alcuni mesi fa, alcuni cittadini di Sabbione sono scesi in strada per pulire gli scarichi a cielo aperto e protestare contro l’amministrazione comunale, sorda alle loro richieste di provvedere ad installare collettori fognari nelle loro abitazioni. Ad oggi, ancora nessuna risposta è stata data. Lo stesso problema c’è a Gavasseto, così come in altre zone della città.

Può sembrare uno scherzo che, nel 2011, una città come Reggio Emilia non riesca a garantire ai propri cittadini un servizio essenziale quale quello delle fognature. Purtroppo, non è uno scherzo!

Alcuni mesi fa, alcuni cittadini di Sabbione sono scesi in strada per pulire gli scarichi a cielo aperto e protestare contro l’amministrazione comunale, sorda alle loro richieste di provvedere ad installare collettori fognari nelle loro abitazioni. Ad oggi, ancora nessuna risposta è stata data. Lo stesso problema c’è a Gavasseto, così come in altre zone della città.

Il problema del sistema fognario insufficiente nella nostra città non è nuovo ed è frutto di una non corretta programmazione dei nuovi interventi urbanistici: molte case costruite negli anni sul territorio reggiano sono state fatte nonostante mancassero i servizi essenziali, tra cui, appunto le fognature.

Per questo, il Movimento 5 Stelle ha depositato un’interpellanza presso la circoscrizione Nordest per chiedere che venga fatto uno studio che indichi quali parti delle due frazioni sono coperte e quali scoperte dal servizio fognario e chiedendo quali misure ha in progetto l’Amministrazione per rispondere alle necessità dei cittadini delle frazioni.

Non si può più aspettare con questi interventi: è ora che l’Amministrazione risponda alle richieste dei cittadini e che, nei nuovi progetti urbanistici, preveda l’adeguamento del sistema fognario PRIMA di costruire edifici.

Comments:0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *