Riconvertire spreco TAV per azioni utili: bocciato!

200.000 euro per attività di “accompagnamento e diffusione dei lavori” della stazione TAV, in pratica pubblicità: plastici piazzati in centro storico, visite guidate in centro storico, quando la stazione è a Mancasale. Abbiamo già denunciato quello che per noi è uno spreco alcuni giorni fa. Approfittando dell’assestamento di Bilancio, abbiamo presentato un’ordine del giorno per chiedere che quei soldi venissero riconvertiti in attività più utili. Bisogna accompagnare? Si potenzi la linea di bus verso Mancasale, così chi ci passa vedrà la Stazione. Si deve fare pubblicità? Si diano i soldi alle biblioteche per allestire le mostre, e si sostengano al contempo le attività istituzionali. Nulla. Scuse da bar del consigliere PD Capelli, ed è intervenuto addirittura il sindaco per dire che, siccome la stazione sarà così utile che molti potrebbero non conoscerne l’esistenza, si faranno cartelloni lungo l’autostrada. Insomma, come dicono a Parigi, chiagni e fotti.

200.000 euro per attività di accompagnamento e diffusione dei lavori” della stazione TAV, in pratica pubblicità: plastici piazzati in centro storico, visite guidate in centro storico, quando la stazione è a Mancasale. Abbiamo già denunciato quello che per noi è uno spreco alcuni giorni fa. Approfittando dell’assestamento di Bilancio, abbiamo presentato un’ordine del giorno per chiedere che quei soldi venissero riconvertiti in attività più utili. Bisogna accompagnare? Si potenzi la linea di bus verso Mancasale, così chi ci passa vedrà la Stazione. Si deve fare pubblicità? Si diano i soldi alle biblioteche per allestire le mostre, e si sostengano al contempo le attività istituzionali. Nulla. Scuse da bar del consigliere PD Capelli, ed è intervenuto addirittura il sindaco per dire che, siccome la stazione sarà così utile che molti potrebbero non conoscerne l’esistenza, si faranno cartelloni lungo l’autostrada. Insomma, come dicono a Parigi, chiagni e fotti.

Nessuna fantasia: utilizzare quei 200.000 euro per potenziare le linee di autobus verso Mancasale, o per sostenere attività delle biblioteche, concentrandovi le iniziative di promozione della Stazione Tav e sostenendo le attività consuete. No: per il consigliere Capelli non si può , ed anche per tutti gli altri. Un solo voto favorevole ( Reggio 5 Stelle), astenuti Lega Pdl e Udc.  Non e’ possibile cambiare l’accordo? Balle. Preferiscono fallire piuttosto di ammettere uno spreco. Se e’ così affondino da soli, la città ha bisogno di coraggio. Quando si è trattato di far comprare alle Farmacie azioni di Borsa non ci hanno pensato due volte.

Ecco il testo dell’ordine del giorno:

Premesso che:
– in base ad accordi multilaterali tra Comune, Rete Ferroviaria Italiana (Rfi), Regione ed altri Enti, Rfi erogherà 200.000 euro all’Amministrazione Comunale di Reggio per servizi di promozione della stazione Mediopadana;

Ritenuto che:
– l’opera in oggetto, se rispetterà le attese, non avrà bisogno di 200.000 euro per essere promossa e fatta conoscere ai cittadini;

Il Consiglio impegna la Giunta:
– ad elaborare una proposta di modifica all’accordo con Rfi, Regione ed altri soggetti, al fine di convogliare i 200.000 euro verso attività più legate ai servizi essenziali erogati dal Comune

Comments:1

  1. Scusate una cosa non mi è chiara di quest’articolo:
    si sta contestando un presunto spreco di 200.000€ per la promozione della nuova stazione quando questi soldi potrebbero essere usati in altri modi più consoni.
    Ora se è vero, come si evince dal testo, che questi soldi sono stati erogati da RFI, dove sarebbe il problema?
    RFI è una società privata (controllata da FS SpA) e pertanto ha, nel suo interesse, la pubblicizzazione della propria stazione, non eventuali promozioni culturali del territorio, pertanto non vedo cosa ci sia di sbagliato nel promuovere la stazione con i soldi di RFI.
    Se questi soldi fossero del comune allora sarebbe un altro discorso ma a quanto pare non è così.
    Attendo lumi dall’autore dell’articolo
    LZ

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *