Reggio invasa dai rifiuti

Come volevasi dimostrare, l’Amministrazione Comunale è stata incapace di affrontare il successo di Campovolo 2.0. Una enorme massa di rifiuti sparsa per ettari al Campovolo e nelle vie adiacenti. Anni luce da Woodstock 5 Stelle, dove 150.000 persone in due giorni, con un servizio di volontari impegnati nella raccolta differenziata, riuscirono a tenere l’area perfettamente pulita.

rifiuti IREN

Come volevasi dimostrare, l’Amministrazione Comunale è stata incapace di affrontare il successo di Campovolo 2.0. Una enorme massa di rifiuti sparsa per ettari al Campovolo e nelle vie adiacenti. Anni luce da Woodstock 5 Stelle, dove 150.000 persone in due giorni, con un servizio di volontari impegnati nella raccolta differenziata, riuscirono a tenere l’area perfettamente pulita.

Lo straordinario spettacolo offerto da Luciano Ligabue, che ha attirato 120.000 persone, ha testimoniato di quali potenzialità dispone l’area del Campovolo reggiano, su cui aleggiano minacce di cementificazione.

Difficile anche testimoniare con le immagini lo scempio dovuto alla sottovalutazione del problema, nonchè all’incapacità del Sindaco Delrio di portare avanti una bottega,figuriamoci affrontare situazioni come queste. Kilometri lineari di sacchetti e spazzatura di ogni genere abbandonata, reti divelte, un massacro per il fragile ambiente del Campovolo, circondato da ambiti agricoli e naturali.

Comments:46

  1. Che schifo!!! Reggio dovrebbe essere molto più avanti e non si merita questa amministrazione. Si poteva dare da lavorare ai precari e organizzare una raccolta eccellente. La verità è che non c’è la minima volontà di guardare oltre. Sono fermi all’inceneritore e sono impantanati nel secolo (anzi millennio) scorso. Sono assolutamente fuori dal tempo. E non ci vorrà ancora molto perchè lo capiscano sempre più persone.

  2. Sicuramente imbarazzanti come immagini ma non solleviamo i cittadini (gli spettatori in questo caso) da tutte le colpe…Certo la mancanza di un organizzata raccolta rifiuti si è fatta sentire ma siamo sicuro che se ognuno avesse fatto la propria (anche solo in parte) il risultato sarebbe stato il medesimo?
    Saluti!

  3. Ho assistito all’evento e confermo le immagini, personalmente la colpa non la darei all’organizzazione, comune, ecc. ecc. (questa è politica di bassa lega !!!), ma al pubblico poco educato, la mia bottiglietta, anche se vuota me la sono tenuta in tasca e lasciata nel primo cassonetto libero, anche se fosse stato fuori dall’area.
    Reggio NON è Napoli e la gente vuole educata e all’occorrenza multata !!!
    Luca

  4. @Luca: Certo diamo sempre tutta la colpa alla gente, e se si tocca il comune o i potenti è “politica di bassa lega”. Chi guida un comune una regione o altro dovrebbe fornire i mezzi e gli uomini per gestire un evento del genere, anche nell’ambito della raccolta rifiuti; Cestini, volontari, segnaletica, campagne preventive di sensibilizzazione.
    Se il politico di turno se ne lava le mani e affida tutto al libero arbitrio è colpevole quanto chi lascia la spazzatura a terra, anzi è più colpevole, perchè viene meno al suo incarico di tutela della cosa pubblica.
    A Woodstock 5 Stelle c’erano 150.000 persone e tutto è rimasto pulito, vuoi dirmi che erano tutti 150.000 super responsabili?

  5. L’occasione fa l’uomo ladro: al concerto c’erano pochissimi cassonetti (c’erano più bagni, se è per quello) e tutti erano pieni di rifiuti, straripavano di rifiuti! Basti pensare che il banchetto di Legambiente presente si è portato il bidone da casa! Ora, si può anche pensare che 100.000 persone tengano in tasca la bottiglietta, il fazzolettino di carta che avvolgeva il panino e così via, ma a me pare pura utopia.
    La volontà politica era un’altra: zero cassonetti, facciamo si che le persone buttino tutto per terra e poi raccogliamo nei prossimi giorni. Peccato che questa dia un segnale deleterio alla cittadinanza, rinunciando a qualunque tentativo di educarla al riciclo e al rispetto dell’ambiente.

  6. ….e menomale che il cantante si vantava di avere il pubblico più civile del mondo rock….

    non mi è mai piaciuto e da ora nemmeno la gente che lo segue…

  7. Va anche detto che a woodstock i partecipanti avevano una sensibilità ben maggiore sul tema rifiuti perchè erano stati ben informati sull’obbiettivo di fare una festa a rifiuti zero, e perchè è uno dei temi su cui battiamo di più.
    I fans di ligabue non avevano certo niente di questo in testa, anzi, quei puvret che si sono presentati 10 giorni prima e hanno bivaccato nelle tende al campovolo tra afa e zanzare, in testa non hanno proprio nulla.

  8. Io invece la colpa la do al Comune ed Iren Spa perchè essendo stato tra gli organizzatori di Woodstock Rifiuti Zero sono stato personalmente contattato dall’organizzazione di Ligabue a marzo per realizzare un servizio di raccolta “Rifiuti Zero” poi pero’ dopo l’entusiasmo iniziale tutto si è spento perchè di mezzo c’erano Iren Spa e Comune di Reggio e non abbiamo piu’ sentito niente.
    I risultati sono sotto gli occhi di tutti.

    In fede
    Matteo Incerti

  9. I fatti sono incontestabili, Woodstock 5 stelle è stato oscurato e delegittimato perchè osteggiato dal sistema, in cambio hanno mostrato il loro sistema. Il M5S è populista e qualunquista, loro democratici ed rispettosi del bene comune. E c’è ancora chi fa i distinguo e i ma però.

  10. EDUCAZIONE: I cittadini non si sono nemmeno accorti di quanto accaduto e adesso dovrebbero stampare nella loro mente queste scene, sperando in migliorie future. Ok, vuoi l’entusiasmo dell’evento, vuoi la mancanza di “incentivi”, esempi e soprattutto organizzazione, ma manca ancora l’educazione, senso civico e rispetto per la comunità…. Al woodstok 5 stelle ho visto i Punk e i Metallari fare la differenziata, ballavano con impiegati e i loro figli .. in quei due giorni mi sono sentito fiero di essere GRILLINO e soprattutto ITALIANO.

  11. Bravissimi! È ora che le farse PDine vengano smascherate tanto quanto quelle PDelline se vogliamo un cambiamento vero in questo Paese!
    Con Woodstock 5 stelle avete dimostrato che questo é possibile (io purtroppo non c’ero e non potevo esserci).

    Non so se dico una sciocchezza, ma a mio avviso avreste dovuto chiedere al centro di riciclo cui avete dato i rifiuti di quell’iniziativa di fornirvi un po del materiale di risulta per creare dei gadget o un trofeo da dare in premio ai migliori artisti esibitisi; insomma qualcosa che celebrasse il completo circolo virtuoso dei rifiuti.

  12. Io ero al concerto, ci siamo fatti il ns. bel sacchetto di spazzatura e l’abbiamo buttata nei cassonetti, che non erano ne pochissimi ne stipati. Piuttosto c’era tanta gente maleducata che ha lasciato i bagni in condizionii pietose… Poi se volete fare del disfattismo fatelo… mi sembra però che la domenica sera l’area fosse già pulita, e quindi non si sia inquinato. Per quanto riguarda la differenziata.. era plastica da bottiglie al 99,95%. Quindi involontariamente differenizata lo era… Non voglio difendere l’amministrazione o Iren, di certo un evento del genere in un altra città (anche molto più grande) sarebbe stato molto più incasinato.
    A Reggio, merito dell’organizzazione, del comune, dei reggiani che hanno portato pazienza, è andato tutto bene !!! Troppo facile la critica a priori sempre e solo contro il PD, che di certo non è perfetto, ma in giro vedo molto di peggio.

  13. Propondo una petizione on-line per mandare messaggi direttamente al “Liga” perche’ prenda provvedimenti al fine di evitare cose simili nel futuro…tenuto conto che lui parlava di concerti a impatto zero…che presa per i fondelli….

  14. Scrive Matteo Terzi:”era plastica da bottiglie al 99,95%. Quindi involontariamente differenizata lo era…” Ahahahh ahaahhh ahaahah ma nasconditi buffone, tu e i ladri del tuo Partito.
    E ancora:”A Reggio, merito dell’organizzazione, del comune, è andato tutto bene !!!” MO va a cagher!! ritirati a vita privata, che la tua difesa d’ufficio dei tuoi incapaci cui dai voto e soldi è ridicola!

  15. sono stata a campovolo,ho comprato diverse bottiglie d’acqua ma una volte finite me le sono tenute nello zaino e le ho buttate a casa nel contenitore apposito (visto che a campovolo non ne ho visti molti e quelli che c’erano erano pieni!!!).la colpa comununque è solo degli spettatori maleducati,che hanno dimostrato la loro totale ignoranza e ill loro menefreghismo.

  16. sì va bene abbiamo capito la tattica, non c’erano bidoni, non c’era organizzazione, ma la colpa è solo dei cittadini. Secondo me il popolo di Ligabue è CIVILISSIMO, mentre il PD e i suoi scagnozzi che non hanno saputo organizzare sono INCIVILISSIMI. Non è un caso che alle loro feste non c’è MAI la raccolta differenziata, e danno da mangiare a decine di migliaia di persone……………………….

  17. Io ero a Campovolo, di rifiuti non ne ho lasciati, visto che li ho rimessi nel mio zaino per poi buttarli nel posto appropriato. Mi da un enorme fastidio quando si cerca di trovare un colpevole per un problema che ha sicuramente tante cause. Primo, lo staff di Ligabue ha raccomandato esplicitamente di essere civili e di buttare i rifiuti dove andavano buttati, ma purtroppo non ci si può affidare al senso civico di 120 mila persone; secondo, sarà stata colpa anche dell’amministrazione che doveva prevedere qualcosa del genere per un tale evento e studiare anticipatamente una soluzione, ma credo che se ognuno avesse fatto la propria parte, i risultati non sarebbero stati quelli visti. Per quanto riguarda chi dice, come Utopia Luca, “….e menomale che il cantante si vantava di avere il pubblico più civile del mondo rock…non mi è mai piaciuto e da ora nemmeno la gente che lo segue…”, penso che, a parte i gusti, dire una cosa del genere è proprio da assolutista, visto che non si può avere la pretesa di conoscere a fondo tutte le persone che seguono Ligabue e farne uno stereotipo di gente incivile.

  18. Bravo Luigi, concorco 100percent. Popolo Ligabue CIVILISSIMO, Delrio PD e Amministrazione incapaci che sono rimasti ai tempi della clava e del fuoco fatto con le merde di vacca

  19. Sì, d’accordo l’Amministrazione Comunale sicuramente non ha fatto il proprio dovere, che è quello di mantenere il suolo comunale pulito, però mi vien da dire che, eventi, manifestazioni, fiere, mercati, dovrebbero essere investiti della responsabilità della massa di persone che attirano. Quindi dal loro introito detraggano le spese che dovrenno essere ottenute per ripulire! Questo vale per i concerti, ma anche per gli ambulanti delle fiere e mercati: ripuliscano l’area a loro adibita, oppure versino una quota per la pulizia, la quota che ad oggi versano è solo per l’occupazione del suolo pubblico, che però dovrebbero lasciare pulito.

  20. No No Susy guardi, non c’è storia: se a Cesena ci sono riusciti ci potevano riuscire anche qui, il Popolo di Ligabue è Civilissimo, ma a Cesena organizzava il Movimento 5 Stelle, a Reggio il PD. PUNTO

  21. @Matteo Terzi Va bene la difesa d’ufficio ma almeno informati, “…mi sembra però che la domenica sera l’area fosse già pulita”… Secondo l’ultima dichiarazione di Iren Spa la pulizia dovrebbe essere terminata mercoledì 20, dico dovrebbe perchè non trovo notizie in merito alla conclusione della stessa.
    http://gazzettadireggio.gelocal.it/cronaca/2011/07/19/news/campovolo-pulito-entro-domani-1.737506
    Al di la di questo, dove finiranno le, ancor non ben precisate, tonnellate di rifiuti indifferenziati?
    Visto che Iren, società con circa il 60% di capitale pubblico, dichiara che provvederà a sostenere i costi della ripulitura (conseguenza della sua non corretta gestione), chi pagherà alla fine? La parte pubblica o quella privata?

  22. MOTIVO VALIDO PER NON ASCOLTARE E COMPRARE I DISCHI DI L. LIGABUE
    la colpa E’ DEL CANTANTE non del comune Reggio Emilia:
    ——————————————————————————-
    DOVEVA LIGABUE Predisporre cestini per la raccolta differenziata e consigliare al pubblico di usarli

  23. con dispiacere noto che tutti a parole (o meglio: a chiacchiere!) non sono razzisti, poi però la frasettina tipo “Reggio NON è Napoli”, con nonchalance, ci scappa sempre… molte persone, invece di abbaiare alla luna, dovrebbero iniziare a fare pulizia… nella propria testa!!!

  24. Ai primi di marzo 2011 il sottoscritto co-organizzatore di “Woodstock Rifiuti Zero” insieme a Raffaella Pirini e Federica Cuppini insieme a 50 fantastici volontari (ed una marea di provvedimenti per RIDURRE I RIFIUTI E RICICLARE TUTTO COINVOLGENDO IL CENTRO RICICLO VEDELAGO oltre alle multiservizi che ci sono in zona: risultato 91% inviato a riciclo e compostaggio su 150.000 spettatori divisi in 2 giorni di concerti) sono stato contattato dall’organizzazione del concerto dott. Caratozzolo entusiasta dell’idea. Mi era stato prospettato però il fatto che Iren Spa e Comune erano già sulla partita. E’ stato detto loro, nessun problema mettiamo a disposizione il “know how” di Rifiuti Zero Woodstock e di PAEA (che aveva organizzato la differenziata ai mondiali antirazzisti 73% per 30.000 persone). Risultato ? Non si sono piu’ fatti sentire ed ha organizzato tutto Iren Spa ed il Comune di Reggio (giunta Pd-Idv-Sel) i risultati senza volontari ai punti raccolta, senza lo svuotamento continuo dei materiali con camioncini elettrici che giravano su percorsi dedicati, senza provvedimenti per riduzione rifiuti (a Woodstock non si vendevano bottiglie in plastica ma solo prodotti alla spina in contenitori “bio” e acqua dalle botti di Romagna Acque), è stato sotto gli occhi di tutti… Avendo con mano toccato la realtà di Woodstock (60.000 il primo giorno, 80.000 -90.000 il secondo giorno) posso testimoniare che NON SI E’ VOLUTO FARE CIO’ CHE ERA POSSIBILE. Liga evidentemente non ha voluto calcare la mano sul Comune di Reggio ed Iren Spa. Peccato una occasione persa per Reggio Emilia.

  25. Altra mancanza. Ligabue non ha rivolto appelli al pubblico di differenziare i rifiuti cosa che invece a Woodstock veniva fatta sia da Grillo che dagli altri artisti sul palco. In questo caso l’effetto “carismatico” del cantante-artista conta sempre.

  26. Sto cercando dei dati sulle aziende che LAVORANO (anche) con i rifiuti DIFFERENZIATI (materia seconda) prodotti nella prov di RE e solo nella ns provincia ci sono una ventina di aziende che ricevono queso materiale (NON SONO SOLO RIFIUTI) e meglio se da raccolta Porta a Porta. Per come inquadro io la Politica sui Rifiuti, riesco a vedere un chiaro e netto miglioramento sia in termini ambientali sia economici e sociali. Per falra breve – queste aziende devono TRIPLICARE all’interno di una filiera dei rifiuti modello RIFIUTI ZERO.

  27. Ma Luciano..che tanto parla in Tv di alti valori e fa volare i giovani con i suoi concerti..
    si è accorto della mer*a che lasciano alla fine?

    costa tanto fare un annuncio in pubblico e chiedere di non abbandonare i rifiuti?

    o è un altro povero deficiente come Renato Zero con il concerto nella villa Romana..

    cose da matti..manca solo una dolorosa estinzione come ha preannunciato il signor Fenner.

  28. Io ero al Campovolo: come al solito le colpe sono da dividere al 50% e 50%.

    Per quanto mi riguarda mi sono riportato a casa il 90% dei miei rifiuti: la carta della pizza, le bottigliette di acqua e bevande varie. Ho lasciato sul prato solo il bicchiere di plastica della birra acquistata (per 5€!!! nel prezzo ci stava anche il costo della raccolta differenziata direi!) allo stand.

    Diciamo che se la gente si riportasse a casa almeno i propri rifiuti (ti sei portato da mangiare e da bere da casa? Come c’è stato nello zaino ci starà anche dopo!) già si eliminerebbero l’80/90% dei rifiuti.

    Per il resto è colpa dell’organizzazione: effettivamente non ho visto molti cassonetti, anzi praticamente nessuno.

  29. 100 mila volte meglio woodstock. Tutta un’altra storia.
    La prima colpa l’ha chi butta la roba per terra….la seconda l’ha chi non fa in modo che il primo non la butti, la terza l’ha il cantante del momento che non chiede che ci sia un sistema alla woodstock 5 stelle prima di fare il concerto.
    Tutto il resto sono chiacchere da bar e soldi a palate.
    Che non si lamenti poi il cantante se le persone non gli comprano il CD per protesta e si scaricano le canzoni da internet xche’ la musica è bella.
    Certe persone sentono solo una cosa: il loro portafoglio.

  30. La colpa di chi è ? il consumismo sfrenato a tutti i costi e costi quel che costi , solo in itaglia nazione di provincialismo sfegatato , un esempio: mia moglie non si dipinge i capelli perchè la tintura finisce in discarica e inquina fiumi ,laghi , mari,pesci,uomini. Ma la cosa più ossessiva sono le altre donne che guardano e giudicano come se fosse la befana appestata . Grazie gente che senza fessi i furbi non campano. Piu monnezza = business money .

  31. Mamma mia .. fuoco e fiamme.. heh che bello questo scambio di “bastonate” certo come fare a non dar ragione ad Arsan…
    Certo anche che: uno vale uno, dice tutto, no ?
    chi capisce questo bene, altrimenti … fate voi…

  32. A PATTY, LUCA ed a quelli che la pensano come loro:
    Napoli non è sommersa di rifiuti in tutti i quartieri poiché ce ne sono già diversi in cui si fa la porta a porta.
    Napoli ha qualcosa come oltre 1 MILIONE di abitanti.
    Reggio nell’Emilia ne ha appena 170.420…
    Abbiamo problemi in proporzione 10 VOLTE più grossi dei vostri..
    Provate ad insegnare in una classe con 10 scolari e poi provate a far lo stesso in una classe con 100 alunni.. E ne riparleremo.
    A NAPOLI le discariche che avevamo sarebbero pure bastate per anni se non ce le avessero riempite con i rifiuti (anche tossici) del nord mandati giù da vostri imprenditori poco scrupolosi e “piazzati/acquistati” da “affaristi” altrettanto senza scrupoli della nostra città appartenente al cosiddetto Sistema.. Quindi la colpa la possiamo dividere senz’altro al 50%..
    Prima di aprire la bocca controllate che il cervello sia stato inserito..
    Dulcis in fundo a Reggio nell’Emilia vivono solo emiliani? Non c’è nessuno del sud? Chi lavora nelle vostre fabbriche di ceramica, ecc. e fa i lavori più merdosi a soli 1500 euro al mese quando gli va bene?
    CHIUDETE LA BOCCA E USATE UN PÒ DI PIÙ QUEL POCO DI CERVELLO MONOCELLULA CHE AVETE…

  33. @Alex
    “Va bene la difesa d’ufficio ma almeno informati, “…mi sembra però che la domenica sera l’area fosse già pulita”… Secondo l’ultima dichiarazione di Iren Spa la pulizia dovrebbe essere terminata mercoledì 20, dico dovrebbe perchè non trovo notizie in merito alla conclusione della stessa.”

    Infatti ti ho scritto “mi sembra”. Mi sembra perchè abito a 1 km di distanza e sono passato a vedere domenica (da fuori), e non ho visto grande sporcizia. Ma evidentemente ho visto male…
    Ribadisco però che i cassonetti dentro l’arena (almeno nella parte che ho girato io) c’erano (un cassone grande più quelli per la differenziata di fianco,) ed erano mezzi vuoti !!!

    @Arsan: Complimenti per la risposta … a chi esprime una opinione fuori dal coro rispondi con gli insulti… Bravo !!!
    In che cosa ti differenzi dalla “ghenga del nano” ? Solo il fatto che insulti in dialetto.
    Io c’ ho messo nome e cognome.

    Mi sono solo permesso di fare alcune considerazioni sull’evento: la città è praticamente raddoppiata per 12 ore. 12 ore in cui sono arrivati l’80% dei partecipanti al concerto; poi sono usciti tutti insieme.
    Io credo che non fosse proprio una passeggiata da gestire.
    E mi sembra che i risultati siano buoni.

    Ma se per esprimere una opinione qui devo per forza accordami al pensiero dominante allora ho sbagliato posto, mi scuso del distrubo, e quello che penso lo vado a scrivere da un’altra parte.

    Goodbye

  34. L’inciviltà e l’ignoranza della gente c è e sempre ci sarà. In questo caso se Ligabue avesse invitato con forte puntualizzazione a mantenere pulita la zona ai suoi fan, forse ci sarebbero stati meno rifiuti in giro.
    Povera Italia…..povera Terra!!

  35. sinceramente non so da dove cominciare viste le tante cavolate che ho letto…
    punto primo c’è chi parla di “valori”, “educazione” e “civiltà” e poi si permette di giudicare 120.000 persone facendo di tutta l’erba un fascio… i miei più sinceri complimenti -.- questo si che è segno di coerenza….
    punto secondo dare tutte queste colpe al cantante a cosa serve??? l’organizzazione non è seguita dai cantanti ma da altre associazioni, quindi si ok facciamo gli appelli ma quanto è giusto dare delle colpe quando non sappiamo a chi darle? inisiamo a darle a caso?? bha
    punto terzo era veramente difficile secondo me che il risultato non fosse il medesimo anche con 2000 cestini in più… la persone incivili ci sono comunque e quindi la sporcizia ci sarebbe stata ugualmente…
    punto quarto è facile parlare e accusare tutti senza proporre soluzioni valide…

  36. NN TROVO GIUSTO CHE LA MONDEZZA NAPOLETANA VADA FUORI DALLA REGIONE . PERKè DE MAGISTRIS NN NVUOLE DISCARICHE NN VUOLE TERMAVALORIZZATORI NN VUOLE NULLA SOLO CHE IL PAESE SI PRENDA LA SUA MONDEZZA. ASSURDO TENETEVELA SE FOSSIMO STATI NOI SARDI IL CAPO DELLO STATO AVREBBE PREMUTO COSI O “FORSE PERKè è DI NAPOLI” COMUNQUE IN SAEDEGNA NN LA VOGLIAMO CHIARO.

  37. Cara Silvia, nessuno ha accusato il cantante ma il PD degli incapaci inquisiti, e non fare finta di niente. Si è parlato SOLO di soluzioni alternative, per cui se fai finta di niente per ottenere un up ci sei riuscita molto male

  38. i vs commenti sn surreali, le vs critiche del cazzo sono sensa senso …… ma dico porca puttana mai stati ad un concerto prima? i rifiuti son normali, e non si gettano nei cestini come al parco…ma per terra e dopo si raccolgono,stronzetti .

  39. No, lui non c’era a Woodstock. Infatti è normale che chi considera l’inciviltà di rifiuti e inceneritori non sia fatto vedere a Cesena, però poi sono quelli che vogliono la “grande cultura”. quale?

  40. il problema nei grandi raduni di gente e’ l’ assenza di responsabilita’ civica di ogni individuo

    secondo me non serve polemizzare sull’amministrazione comunale, perche ci si allontana dal problema. meglio sensibilizzare il cittadino sulla proprieta’ pubblica, e magari multarlo se sgarra troppo.

    qui a dublino hanno dato 500 euro di multa alla mia vicina perche’ ha buttato la sigaretta in un’aiuola del parco e non nel portasigarette pubblico…

    se non ci arrivi con il buon senso (inquinare fa schifo e la citta’ e’ acnhe roba tua) allora devi pagare. e pagare salato.
    al prossimo giro sono sicura che non te lo scordi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *