Raccolta porta a porta: estendiamola a tutti i Comuni confinanti con Reggio

Grande iniziativa civica-ambientale con tutti i consiglieri della Liste Civiche 5 Stelle di Reggio e provincia e altre Liste civiche indipendenti. L’estensione, da realizzare gradualmente in quattro anni, permetterebbe di arrivare a quote di differenziazione superiori al 70%.

Grande iniziativa civica-ambientale con tutti i consiglieri della Liste Civiche 5 Stelle di Reggio e provincia e altre Liste civiche indipendenti.

Rassegna Stampa (1) (2) (3) (4)

“La raccolta porta a porta – ha  spiegato Matteo Olivieri, capogruppo in Consiglio comunale per la lista civica Reggio 5 Stelle – ha raggiunto tutto il forese della città, coinvolgendo le zone di confine con i Comuni limitrofi  Rubiera, Scandiano, Albinea, Quattro Castella, Bibbiano, Cavriago, Sant’Ilario d’Enza, CadelboscoBagnolo Comuni nei quali proponiamo di estendere questo sistema di raccolta si potrebbero avere grandi risultati”.  “Ci troviamo infatti in una condizione logistica vantaggiosa che permette di sfruttare le sinergie che si verrebbero a creare e permetterebbe un abbattimento dei costi iniziali. L’estensione, da realizzare gradualmente in quattro anni, permetterebbe di arrivare a quote di differenziazione superiori al 70%. Il porta a porta promuove un impegno del cittadino che deve esser premiato con l’applicazione di tariffe puntuali per cui si paga sulla base dei rifiuti prodotti e differenziati – ha proseguito Olivieri – Importante, per il corretto funzionamento del sistema e la riduzione dei rifiuti, è anche la fase di smaltimento e riciclo di quanto raccolto. Del progetto per l’impianto di trattamento biomeccanico annunciato dalla Provincia non sappiamo ancora nulla”.  Con questa estensione graduale in 4 anni, si diminuirebbero i costi spalmandoli. Non più di 4 euro a testa in più l’anno. Due paste e due caffè. Ma avremmo in 4 anni oltre 300mila abitanti tra Reggio, Comuni limitrofi e Bassa Reggiana (partendo dal distretto di Guastalla) dove la raccolta differenziata sarà ben oltre il 70% reale con punte dell’oltre 80% in alcuni Comuni.

E’ stata anche spiegata la bufala dei cassonetti stradali. La differenziata attuale è dovuta grazie alla raccolta dei rifiuti industriali che vengono assimilati agli urbani e alle isole ecologico. Clicca sotto per uno schema.
Situazione attuale della raccolta rifiuti e simulazione del porta a porta

Alla presentazione dell’iniziativa dei grillini hanno partecipato i consiglieri delle liste civiche che promuovono l’estensione nei Comuni della provincia: Claudio Pifferi, consigliere comunale della Lista civica Rubiera a 5 Stelle, Davide Zanichelli, consigliere comunale della Lista civica Guastalla Liberata – 5 Stelle, Sauro Romani, consigliere comunale della Lista civica Il Quinto Colle – Quattro Castella, Davide Acerbi, consigliere comunale della Lista civica Lavorare per Sant’Ilario d’Enza e Augusto Salvioli Mariani, consigliere comunale della Lista civica Ambiente per San Martino in Rio.


Comments:2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *