/ gennaio 10, 2018/ News/ 0 comments

Uno dei mali sociali più longevi e diffusi nella nostra società, è quello che non a caso viene definito superficialmente il “mestiere più antico al mondo”, ma dietro questa frase si nasconde il dramma e la sofferenza di chi per vivere o forse sarebbe meglio dire “sopravvivere” è costretto dalla propria condizione economica o ancora peggio da sfruttatori senza scrupoli, a vendere il proprio corpo. Molti si rassegnano pensando che sia un problema senza soluzione, altri indifferenti guardano da un’altra parte, ma il problema rimane e si manifesta sempre più diffusamente sulle strade della nostra città, denunciandone inesorabilmente il degrado sociale.

Mentre passiamo velocemente sulle nostre automobili , le immagini sfuggenti di queste donne e a volte uomini che attendono un “cliente” nascondono storie di sofferenza, fisica e psicologica che neppure possiamo immaginare, dovremmo chiederci se è lecito da parte nostra fare finta di niente.

Per aumentare la nostra consapevolezza mercoledì 17 Gennaio 2018, alle ore 21:00, presso il circolo ARCI GARDENIA in Viale Regina Elena 14 a Reggio Emilia, Il Gruppo per le Pari Opportunità dell’Associazione Grilli Reggiani invita tutta la cittadinanza a partecipare all’incontro pubblico che avrà per argomento

“Prostituzione: sfruttamento e favoreggiamento.

Parteciperanno

Adelina

Ex schiava del racket della prostituzione.

Racconterà la sua esperienza vissuta negli anni addietro, di vittima e prostituta, come ne è uscita grazie all’aiuto di persone e associazioni.

Laura di Mascolo

Psicologa e Psicoterapeuta.

Spiegherà qual’ è la natura della prostituzione, i meccanismi sociali, psicologici e danni connessi.

La dott.ssa parteciperà per conto del Forum delle donne della Val d’Enza e l’Associazione giovanile “Cuariegh on the road”che è promotrice del tema “tratta e prostituzione”.

Roberto Mirabile

Presidente e fondatore Associazione Caramella Buona.

Tratterà, per competenza, la situazione del “mercato” della prostituzione a Reggio Emilia : i cambiamenti avvenuti negli ultimi anni, le nazionalità coinvolte, le implicazioni delle organizzazioni criminali nello sfruttamento.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*
*