Posti in asilo, io gliel’ho detto!

Due richieste semplici, in un’interpellanza, per chiedere: 1 redistribuire i posti negli asili e nelle scuole per evitare i ghetti, 2 gestire questa distribuzione attraverso adeguati sistemi informativi, vista la complessità del caso. L’assessore Iuna Sassi (che vedete nella foto) si è impegnata nella risposta, ma non credo abbia capito bene.

Iuna-Sassi-2

Due richieste semplici, in un’interpellanza, per chiedere: 1 redistribuire i posti negli asili e nelle scuole per evitare i ghetti, 2 gestire questa distribuzione attraverso adeguati sistemi informativi, vista la complessità del caso. L’assessore Iuna Sassi (che vedete nella foto) si è impegnata nella risposta, ma non credo abbia capito bene.

Tutti sanno della recente circolare del Ministro Gelmini, che impone a tutte le classi di ogni ordine e grado di avere meno del 30% di bambini e studenti stranieri. Una cosa fatta alla Gelmini, dove non si definisce cosa significa bambino straniero, e con i soliti diktat che non tengono conto delle situazioni locali.

L’Assessore Iuna Sassi (Istruzione) si è detta subito concorde con lo spirito della circolare, ma risale a 3 mesi fa la nostra segnalazione. Per evitare problemi bisogna redistribuire i posti, favorendo l’integrazione e limitando il pendolarismo, ma questo è estremamente difficile da fare, e serve una gestione informatica molto complessa (non bastano due conticini su un foglio di carta).

La risposta lascia in parte sconcertati:

  1. La Sassi ha individuato alcuni problemi e ce li ha ben presenti (cosa significa bambino straniero, tutt’altro che banale visto che la maggior parte dei bambini cosiddetti immigrati sono nati in Italia!);
  2. è purtroppo sul chi va là ideologico e non si schioda. Mi rinfaccia di ritenere le graduatorie degli asili discrezionali, quando io ho semplicemente detto che, per garantire la continuità di istruzione (non si possono spostare gli alunni come pacchi) l’attribuzione della scuola, non del posto in graduatoria, è discrezionale. Cioè è giusto che sia così, ma è così! (nell’interpellanza è scritto: “l’assegnazione della scuola risponde inevitabilmente a criteri discrezionali da parte dell’Amministrazione, funzione della continuità di un progetto educativo che mette al centro il bambino prima di tutto”);
  3. non percepisce il problema più grave: sarà un casino tremendo senza un’adeguata gestione informatica del problema, che si avvalga dell’uso di sistemi informativi geografici.

Insomma, io l’ho detto, segnatevi la data: 18 gennaio 2010.

Spero di poter comunicare direttamente con l’Istituzione Nidi e Scuole dell’Infanzia, e che questo porti ad una corretta gestione del problema.

Comments:0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *