Porta a Porta anche nei Comuni limitrofi, si abbattono i costi

La Giunta di Reggio estende la raccolta domiciliare, meglio nota come porta a porta, a tutte le frazioni esterne.

Un’ottima notizia, che cerchiamo di accompagnare con un suggerimento: coinvolgiamo anche i Comuni limitrofi per abbattere i costi.

La Giunta di Reggio estende la raccolta domiciliare, meglio nota come porta a porta, a tutte le frazioni esterne.

Un’ottima notizia, che cerchiamo di accompagnare con un suggerimento: coinvolgiamo anche i Comuni limitrofi per abbattere i costi.

Rassegna Stampa (1) (2)

I Comuni di Correggio e San Martino hanno infatti già iniziato gradualmente a passare anche loro alla raccolta domiciliare, proprio con le frazioni piu’ vicine al forese del Comune di Reggio (Prato, Budrio, Lemizzone, Stiolo, Gazzata).

Ma soprattutto bisogna sensibilizzare gli altri Comuni confinanti a cominciare: Sant’Ilario, Rubiera, Cavriago, Scandiano, Bagnolo, Cadelbosco, Quattro Castella, Albinea, Campegine, Bibbiano.

Abbiamo a questo proposito presentato un’interpellanza al Sindaco di Reggio perchè, assieme ai sindaci di Correggio e San Martino in Rio, coinvolgano i colleghi. Estendere questa raccolta in Comuni confinanti può infatti portare a benefici nei costi della raccolta, come avviene in provincia di Treviso nei bacini Priula, e portare ad altissime quote di differenziata come in alcuni comuni del Mantovano (anche l’80%).

Se siete cittadini di questi Comuni scrivete una mail al vostro sindaco. Insieme ce la possiamo fare!

Iscriviti al Gruppo Facebook Zero Waste – Rifiuti Zero Reggio Emilia 2020


Comments:6

  1. Questa è una bella notizia.
    Ed è la strada giusta per arrivare a dire addio all’inceneritore, con buona pace dei lobbisti, degli intrallazzoni e di chi attenta alla salute e al portafogli dei cittadini!
    Avanti tutta!

  2. C’è un po’ di confusione, che giornali e tv non hanno provveduto a rimuovere. Il PaP a Reggio ”comune” è presente solo nella ex-VII e in zone ‘foranee’ della ex-V. Giusto? E tutte le zone della città-città? Non parlo della cosiddetta ‘città storica’, ma di tutto quel tessuto urbano densissimo di abitazioni e palazzoni appena al di fuori dell’esagono dei viali che sta aspettando la buona notizia dell’estensione della raccolta. Che però, come credo di capire, anche questa volta non è arrivata…

  3. Aggiungo che in Centro Storico non esistono cassonetti per l’organico e quelli per la plastica sono molto rari: altro che porta a porta…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *