PDL e Lega contro il solare sugli edifici:l’ombra del nucleare

Il Comune di Reggio ha presentato un ottimo piano per il fotovoltaico sui tetti di scuole ed edifici comunali. I rappresentanti di Lega e PDL hanno cominciato da subito una chiara battaglia contro le energie rinnovabili e gli incentivi che ogni cittadino paga in bolletta, dichiarando la superiorità del nucleare e la necessità di investire quegli stessi incentivi sul nucleare stesso. Il resoconto di una Commissione Consiliare che rimmarrà nella storia……del bar dello sport

La seduta della Commissione Consiliare speciale sulla crisi economica si è tinta di grottesco alla presentazione del buon Piano sui pannelli solari per le scuole e gli edifici comunali, presentato dall Assessore Graziano Grasselli. Qui tutti i dettagli del Piano.
I rappresentanti di Lega e PDL hanno cominciato da subito una chiara battaglia contro le energie rinnovabili e gli incentivi che ogni cittadino paga in bolletta, dichiarando la superiorità del nucleare e la necessità di investire quegli stessi incentivi sul nucleare stesso.
Grotteschi perchè si sono scagliati contro l’ assicurazione che garantisce contro il furto dei pannelli e sul corretto funzionamento degli stessi,con una minima incidenza sui costi del 6%. Gli abbiamo detto chiaro che pensino al loro nucleare, visto che nessuna compagnia lloyd al mondo ha mai voluto assicurare un impianto atomico, tanto sono sicuri!

A tal proposito abbiamo chiesto ai consiglieri Lega e PDL se intendono mettere a disposizione la loro abitazione per la realizzazione di una centrale atomica. Centrale, ricordiamo, per cui in tutto il mondo è impossibile valutare i costi con precisione,una tecnologia fallimentare la cui produzione a livello mondiale è ferma da 25 anni,mentre le rinnovabili sono centuplicate.

Davvero indegne anche del bar dello sport le argomentazioni di Irali ed Eboli. Il primo porta ad esempio una sua personale esperienza negativa risalente a parecchi anni fa con pannelli che si sono rivelati inefficienti, il classico “pacco” che per il rappresentante della Lega dovrebbe essere importante, quando tutto il mondo è in una corsa disperata per installare  quanta piu potenza solare possibile.

Ma è insuperabile la dritta del consigliere Eboli, che cita un amico che ha desistito dall investimento.
Davvero comico, considerando che nella vicina Provincia di Parma un grande piano pubblico da 50 megawatt e iniziative private per altrettanta potenza stanno procedendo speditamente, con una dimensione di intervento 130 volte superiore all intervento del Comune di Reggio.

Centinaia di Comuni e di privati, anche nel nostro territorio, sono degli illusi investendo centinaia di milioni di euro, mentre Eboli ed Irali detengono virtù magiche? Assolutamente no, sono ottimi investimenti che si ripagano da soli.
Per il progetto di Reggio l’ Amministrazione non sborsa un soldo, attivando un leasing, dopo 18 anni ha ripagato tutto per giunta con un utile superiore ai 600.000 euro, forse di più se la base d’asta subirà un sensibile ribasso.

La verità è molto meno affascinante: l’ offensiva del governo Berlusconi contro le energie rinnovabili parte anche da Reggio, con mirate campagne di disinformazione, e con l obiettivo di stralciare quante più risorse a favore del nucleare, costosissima opera i cui benefici, invece di essere concreti dopo poche settimane o mesi, si possono avere dopo decenni!

E poi la grande battaglia a favore dei soliti noti: il guadagno in una centrale nucleare è per chi la costruisce, vendendo enormi quantita di cemento e acciaio, veri interlocutori privilegiati del Governo.
I cittadini, l’ Amministrazione e le imprese, molte delle quali impegnate nell’ installare sui tetti dei capannoni campi fotovoltaici, dovrebbero aspettare le dritte dei nostrani consiglieri per rimanere al passo col mondo civile.
Che brutta fine che ha fatto la promessa di alcuni mesi fa di Alessandri, il parlamentare del carroccio, tutto lanciato verso la green economy , la cui Lega si è venduta al padrone romano del nucleare al primo battito di ciglia

Comments:8

  1. Non mi stancherò mai di ripeterlo…
    meglio 1.000.000 di cittadini che producono un kwatt a testa con energie rinnovabili …. di una unica centrale che ne produce altrettanto. >>Fate voi i conti … pensate a quante aziende, piccoli installatori e cittadini sarebbero coinvolti in questa opera….. Queste sono le Grandi Opere da attuare… altro che mega centrali … che interessano i soliti noti “impresari” spa e i loro leccapiedi della politica…..

  2. Quante falsita’ che scrivete! non e’ vero che il PDL e la Lega non sono a favore delle energie rinnovabili!! bugiardi!!! e’ che voi credete alle favole di Beppe Grillo…quello e’ il problema!

  3. @alberto avevamo appoggiato la proposta di togliere il blocco dopo le 22. basterebbe organizzare bene il sistema di controllo dei parcheggi, in maniera tale che non ci sia il parcheggio selvaggio ovunque, ma il transito non sarebbe un problema. Allargare le isole pedonali e consentire un transito più agevole la sera sarebbe perfetto per il centro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *