Pannelli sul cinema Rosebud, il PD respinge perchè….è demagogia!

L’unica possibilità per installare in tempi rapidissimi almeno un pannello è stata bocciata oggi in aula. Spaccata la maggioranza: IDV e SEL votano a favore alla nostra proposta di investire i proventi degli abusi edilizi in piccoli progetti di fotovoltaico. Presentata in anticipo alla diserzione del primo bando per l’installazione, prevedendone il fallimento, ha visto l’ennesima dimostrazione di miopia politica del PD.

L’unica possibilità per installare in tempi rapidissimi almeno un pannello è stata bocciata oggi in aula. Spaccata la maggioranza: IDV e SEL votano a favore alla nostra proposta di investire i proventi degli abusi edilizi in piccoli progetti di fotovoltaico. Presentata in anticipo alla diserzione del primo bando per l’installazione, prevedendone il fallimento, ha visto l’ennesima dimostrazione di miopia politica del PD.

Proporre di investire denaro liquido in pannelli fotovoltaici, anche per modiche cifre, come nella nostra mozione che interessava il Cinema Rosebud, per ricavarne un profitto dall’anno successivo, grazie al Conto Energia e allo scambio sul posto, per il PD è demagogia.
Lo stato comatoso cui è ridotta una Giunta e un Partito che non sono stati capaci di installare un solo pannello con gli incentivi del 2010, quando tutto il mondo si è solarizzato, sono la prova migliore del fallimento di un’intera classe politica.

Spostare quei soldi da altri investimenti “a perdere”, come i parcheggi della TAV che costeranno 4 milioni, e che costano per costruirli, per fare manutenzione, con un saldo doppiamente negativo, sarebbe demagogia. Per fortuna, invece, è una proposta di buon senso,che come tale è stata bocciata da un Partito che il buon senso lo ha lasciato a Montecitorio decenni fa.

Ricordiamo l’emendamento che fece il PD al Bilancio di previsione 2010: da 5 a 8 milioni di euro per il fotovoltaico, sembrava un trionfo. Zero euro quelli finora investiti!!

L’unica àncora di salvezza a cui questo Partito miope e ormai rassegnato è l’Assessore Grasselli (lo stesso che è riuscito a estendere la banda larga), che sta cercando ogni possibile soluzione per trovare una nuova via al fotovoltaico: siccome non gli consentono di spendere un solo euro in energie rinnovabili, sta addirittura mettendo mano alla cassaforte delle infrastrutture idriche, AGAC Infrastrutture, per trovare alternative.

Comments:6

  1. Provinciali sempre e comunque! Mentre il mondo va avanti a velocità folle questa classe dirigente di mummie resta immobile a contemplarsi l’ombelico!
    Mandiamoli a casa!

  2. Ormai, cioè poi da tempo, sono una comica: in consiglio di circoscrizione, parlando di PSC, ho chiesto come mai ostacolano il fotovoltaico e le rinnovabili e, inoltre, quale sia la loro politica energetica, visto che si dicono contro al nucleare. Ho aggiunto che rimane far correre i criceti sulla ruota e loro sai qual è l’unica cosa che mi hanno risposto? “No, pensavamo di farci correre i giovani laureati.” Umorismo inglese? Forse… Fatto sta che sono alla frutta!
    A volte mi domando se berluscones e democraticones siano, in realtà, lo stesso popolo…

  3. La realtà è che Se ci fosse una cooperativa che produce e installa pannelli, probabilmente avrebbero trovato il modo di investire anche soldi che non ci sono.

  4. C’è da piangere … ma in mano a chi siamo finiti!!!!! Caro Davide adesso ho capito la cosa del criceto …. che tristezza, altro che battuta! Ma ci rendiamo conto che sono marci dalla testa ai piedi? Ma quando lo capiranno gli elettori?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *