Olivieri candidato Sindaco presenta il progetto Asilo dei Nonni

Comments:4

  1. Mi sembra proprio una gran bella idea! se posso aggiungere una mia riflessione, vorrei proporre, inoltre , la sperimentazione di un asilo gestito da madri di famiglia in equipe, che si prendono cura a rotazione dei loro figlioli, finanziati dal Comune o da altro ente previdenziale; Ancora, perchè non dare la possibilità alle donne e madri lavoratrici di assentarsi dal lavoro per un periodo di 2-3 anni , per accudire i figli, mantenendo lo stipendio al 80%? A carico dell’INPS o altro ente?
    Volere è potere!

  2. Rimini 06-02-2010
    Oggetto: Ai Candidati Regionali, chiediamo di dare dignità e tutela agli ammalati Italiani che soffrono senza tutela.
    Le Regioni, in base all’articolo 10 comma 2 del D.Lsg. 30 dicembre 1992, n 502 e successive modifiche ed integrazioni, possiedono tutti i Poteri, Legislativi ed Amministrativi (concessigli per essere più vicini ai Cittadini.)

    Per questi motivi chiediamo ai candidati Regionali di dare dignità e tutela agli ammalati Italiani che soffrono, senza tutela, restituendogli la libertà nelle diagnosi invalidanti.
    Perché i governanti Nazionali e Regionali negli ultimi anni hanno fatto sparire lo strumento diagnostico complementare di teletermografia ad infrarossi dagli Ospedali e dai livelli essenziali di assistenza?
    Perché invece dello strumento diagnostico non hanno fatto sparire le assicurazioni non statali sulla responsabilità civile, che hanno rovinato i nostri invalidi e le nostre famiglie?
    Perché le nostre richieste non sono state ascoltate?
    Perché ci hanno fatto sparire lo strumento diagnostico di teletermografia ad infrarossi? con la scusa che è diventato obsoleto? (cosa non vera, perché la tac e la risonanza magnetica non sono ad infrarossi)
    Perché ci hanno negato la possibilità di dimostrare le gravissime invalidità di fibromialgie o algodistrofie da trauma, rovinando le nostre famiglie con questi invalidi? Mentre in altri paesi europei sono tutelati?

    Il 34% dei traumatizzati muoiono perchè non gestiti bene dopo il ricovero, spesso per motivi speculativi delle assicurazioni con la sparizione dello strumento diagnostico complementare di teletermografia.

    Le assicurazioni private potranno agire soltanto sulla vita e sulla morte per i privati che lo richiedono, ma non potranno mai più agire sulla salute, sulle invalidità, o sulla responsabilità civile.

    Chiediamo di eliminare la scandalosa legge 222 del 1984 dell’INPS, retroattiva dalla data del 1984, perché ha ridotto nell’indigenza le persone traumatizzate e lesionate, facendole perdere tutti i diritti INPS dopo che i traumatizzati hanno versato i contributi INPS per tutta la vita lavorativa prima dell’infortunio, a causa della speculazione delle Assicurazioni non statali che avrebbero dovuto risarcire l’INPS per il traumatizzato da incidenti stradali e da lesioni da errori chirurgici e da errori sanitari. (i nostri contributi versati all’INPS sono stati regalati ai parenti degli immigrati per le pensioni sociali, con 65 anni di età, che non hanno mai lavorato in Italia, sottraendoli ai malati Italiani che li avevano versati prima dell’infortunio, negandogli perfino il riconoscimento delle gravissime invalidità)

    Le case popolari devono essere garantite alle categorie deboli dei cittadini Italiani, trasformandole in condomini solidali per agli anziani, per agli invalidi, e per i parzialmente invalidi con il 30% di invalidità, che hanno perduto il loro lavoro e non percepiscono nessun sostegno sociale, usando i nostri parzialmente invalidi al posto delle badanti, in cambio di vitto alloggio e piccolo compenso, mentre gli stranieri che lavorano in Italia che sono sani, devono pagarsi l’affitto della casa con il loro lavoro, come lo pagano gli Italiani.

    Chiediamo di eliminare le assicurazioni non statali sulla responsabilità civile e sulla salute, Visto che tutti: sia i datori di lavoro, sia gli artigiani, sia gli agricoltori, sia i liberi professionisti, sia le casalinghe paghiamo già l’INAIL chiediamo che comprenda ogni responsabilità civile verso terzi, ed ogni invalidità permanente da malattia, dalla nascita fino alla morte, includendo nelle tabelle di invalidità le Fibromialgie o algodistrofie da trauma, con la reintroduzione dello strumento diagnostico complementare di teletermografia ad infrarossi, nei Livelli Essenziali di Assistenza del Ministero della Salute e delle Regioni, per poter diagnosticare in ogni Ospedale le gravissime fibromialgie di vario genere, ed algodistrofie da trauma, per tutelare questi invalidi e per scoprire molto tempo prima il melanoma e tutti i tumori in superficie dei pazienti, salvando la loro vita, riducendo moltissime spese per i farmaci dei tumori in superficie, perché scoperti molto tempo prima.

    Ai Candidati Regionali, chiediamo di verbalizzare le nostre proposte, confermandoci di accettarle per legiferarle subito dopo le prossime elezioni Regionali. Chi rimarrà all’opposizione dovrà sostenerle ugualmente, affinché siano trasformate in leggi Regionali e Nazionali, gli invalidi saranno informati tempestivamente telefonicamente e tramite il nostro sito:www.tutelatraumatizzati.it chi saranno i candidati che accetteranno le nostre proposte di tutela dei nostri malati.
    Associazione Tutela Traumatizzati e Lesionati sito:www.tutelatraumatizzati.it Via IV Novembre, 21 47921 Rimini

  3. Ciao Franca,come prima cosa ti ringrazio tantissimo per questo commento perchè mi ha dato nozioni in più su fatti e situazioni che prima non conoscevo.
    Devo ammettere, come prima cosa, la mia ignoranza medica,quindi ,proprio per cercarti di dare una risposta che potesse essere giusta (e spero di non dire cose sbagliate),prima ho voluto prima documentarmi per un pò su internet a riguardo la teletermografia a infrarossi.
    Questo documento che ho trovato mi è sembrato il più appropriato ( http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_pagineAree_88_listaFile_itemName_0_file.pdf ),
    da quel che ho compreso questa tecnologia rispetto a Tac e Risonanza magnetica è qualitativamente meno invasiva,ma anche meno performante nella ricerca preventiva della malattia.Però condivido a pieno il tuo dubbio per il fatto che le abbiano tolte dagli ospedali.Soprattutto,per quello che ho capito,perchè ci sono particolari malattie per le quali la Tac potrebbe avere un margine di insicurezza nella diagnosi,quindi un doppio test comparato con questa tecnologia potrebbe sollevare i dubbi che sulla diagnosi.
    Sarebbe come dire togliamo tutte le biciclette perchè ora ci sono le automobili.
    Forse il loro bel discorso è stato che i costi di gestione non valessero la candela,dato che il numero di casi riscontrati era,per loro,del tutto sopportabile,riducendo però a quei pochi il valore della loro vita a zero e la probabilità di non sapere mai di quale malattia si sta morendo al 100%.

    Non è una questione di falsa retorica,ma mi dispiace proprio rattristarmi la domenica mattina nel leggere ancora una volta che la mia vita per qualcuno è sussumibile a un numero.
    Mentre dall’altra parte del mondo qualcuno si batte per rendere una sanità privata un pochino pubblica,qua le cose vanno così.Proprio non capisco come qualcuno possa giocare così con la vita e in particolar modo specularci.Forse non capisco perchè sono una persona stupida,qualcuno me lo spieghi.Soprattutto perchè quando hai uno zero in più sul tuo conto corrente,non te lo porterai in cielo,o non ti renderà più intelligente,o semplicemente non ti salverà dalla probabilità che una particolare malattia ti colpisca.

    Perdonate il mio sfogo,ma di sicuro i soldi ci sono,se vengono stanziati + di 12 milioni di euro per fare un inceneritore a Parma attaccato alla Barilla…mah!

    Forse Franca queste domande avresti dovuto provarle a fare al Presidente dell’Emilia Romanga Martedì qua a Gualtieri: peccato che non avresti potuto perchè dopo 40 minuti di monologo e lodi su ciò che si è fatto in questi anni per la sanità in regione,si è subito defilato senza dare a semplici cittadini come me e te la possibilità di fare domande sui problemi quotidiani.

    Cara Franca,l’unica cosa per cui mi sto sacrificando ore della mia vita personale per questo Movimento,è che vuole cercare almeno un pò di onestà intelettuale sulle questioni quotidiane (prima mozione comunale che abbiamo presentato appena entrati in consiglio a guastalla : http://www.listacivica-guastallaliberata.org/2009/09/primo-successo-della-lista-5-stelle-approvata-la-mozione-contro-le-barriere-architettoniche/,non avrà portato grandi risultati…),ma ti voglio rispondere personalmente.Come cittadino che prima stamattina è andato all’Avis,più che Candidato,voglio dirti che da parte mia c’è tutta la volontà di battermi affinchè la tua voce e le tue proposte siano prima o poi ascoltate,però sinceramente ammetto che non so se ci riuscirò!
    Siamo solo cittadini che provano a fare un piccolo miracolo sociale;senza soldi,senza niente,solo con le nostre forze e il sorriso di chi spera che qualcosa migliori prima o poi.Forse non concluderemo niente,se però riusciremo come grande risultato a portare anche solo una persona normale in consiglio regionale,sarò felice di fare eco alla tua voce affinchè quest’ultimo non faccia opposizione,ma proposizione e riporti su internet sulle decisione prese in merito.
    Ti devo chiedere un favore: non voglio assolutamente che tu informi del mio personale sostegno,(se vuoi informali che c’è qualche cittadino in Italia vuole provare a fare qualcosa,ma non voglio che sia fatto il mio nome come propaganda tra chi sta soffrendo) perchè devo ammettere,peccando di egoismo,che se mi fosse data l’eccezionale possibilità materiale di battermi per la questione sanitaria,allora lo farei per me stesso e per avere una sicurezza in più che se in un futuro prossimo mi ritrovassi in condizioni di disabilità,come può accaddere a chiunque,forse mi potrei volgere il sguardo indietro senza rimpianti di non aver fatto niente.

    Ciao Luca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *