Gli orti di quartiere nelle scuole della Ovest. Il progetto avanza.

bambini

Lunedì 18 gennaio si è riunita la commissione scuola e integrazione della Circoscrizione Ovest. Le scuole del territorio hanno presentato ed illustrato tantissimi progetti chiedendo un aiuto economico per la realizzazione degli stessi. I toni si accendevano quando i tagli del governo erano al centro del dibattito. Se dovessi creare uno slogan per riassumere la serata ecco cosa direi: “Non rinunceremo alla qualità. Mai porre un limite alla cultura ed al sapere dei nostri figli”.

[1]

Fra le tante proposte emerge l’intenzione di alcune scuole di intraprendere un percorso formativo che vede i bambini impegnati nella realizzazione e nella cura di un Orto. I bimbi della S. Giovanni Bosco di Roncocesi e del comprensivo Lepido sono già partiti. Dopo la nostra interrogazione la Circoscrizione si era impegnata a sostenere queste iniziative. Stiamo cercando di creare un Orto Urbano sul nostro territorio, la ovest oggi è l’unica circoscrizione a non averne uno. In questo spazio nasceranno tanti piccoli orticelli, aperti non solo ai nonnini virtuosi ma anche ai bambini delle scuole ed ai giovani.

Uno degli istituti che percorrerà questa strada è la scuola dell’infanzia Erio Tondelli. La delegata della scuola, dopo aver ascoltato il mio intervento da promotore e sostenitore degli orti in circoscrizione, mi ha invitato a partecipare ai lavori. Munito di zappa e vanga darò volentieri una mano ai piccoli contadini del Tondelli, forte della mia esperienza di Montalto con l’Orto dei Grilli.

Spendere il tempo libero in queste attività non significa solo aggregazione, risparmio economico, riduzione dei rifiuti, sostenibilità. Sarà l’insegnamento che le giovani generazioni trarranno da queste attività ad assumere un significato molto importante. L’impegno preso dalla Circoscrizione, quindi dalla politica, sarà un prezioso dono per i il futuro dei nostri figli.

VIto Cerullo

Consigliere Circ. Ovest Reggio 5 Stelle

p.s. I tagli si fanno sentire, le scuole soffrono. Il corpo docenti è da elogiare. Tengono duro, stringono i denti, si umiliano ma non mollano. Continuate cosi’.

 

Comments:0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *