No all’acqua pubblica: IDV appoggia Delrio

La consigliera regionale dell’Italia dei Valori, nonchè plenipotenziaria reggiana del Partito toninico, conferma il no all’acqua pubblica. Inventatasi una richiesta di dimissioni nei confronti degli Amministratori di IREN ed HERA, tutti nominati da Sindaci e Assessori dell’Italia dei Valori, definisce “populista” lo scorporo da IREN. La Barbati si allinea perfettamente alla strategia elaborata dagli spin doctor del PD, confermando che anche l’IDV di Reggio tradirà il referendum.

La consigliera regionale dell’Italia dei Valori, nonchè plenipotenziaria reggiana del Partito toninico, conferma il no all’acqua pubblica. Inventatasi una richiesta di dimissioni nei confronti degli Amministratori di IREN ed HERA, tutti nominati da Sindaci e Assessori dell’Italia dei Valori, definisce “populista” lo scorporo da IREN. La Barbati si allinea perfettamente alla strategia elaborata dagli spin doctor del PD, confermando che anche l’IDV di Reggio tradirà il referendum.

In un’intervista a 24emilia la Barbati adotta tutti i punti strategici del PD per ignorare il secondo quesito referendario sull’acqua pubblica, quello che abroga l’adeguata renumerazione del capitale investito.

Strategia della bandierina.

Chiede le dimissioni dei vertici di IREN, che sono stati peraltro nominati da IDV, in tutte le città al governo con il PD. Qualcuno ha cercato di rimuoverli, dopo.

Rivendica di aver chiesto “in Regione” la riduzione degli stipendi dei manager IREN, ma la Regione non è azionista di IREN ed HERA. Guardate qua chi sono stati i primi a chiederlo, dove si poteva fare.

Strategia dell’aumma aumma.

La Barbati dice che bisogna sedersi ad un tavolo e riflettere su nuovi meccanismi, eccetera eccetera . Le stesse cose che dice il PD. Ovviamente non cita i Comitati, non cita il Forum dell’Acqua, non cita la proposta di legge popolare già depositata in Parlamento dal 2007

Strategia del fumo negli occhi.

Il punto cardine del Barbati pensiero  è un’ Authority che vigili. L’Authority, già, perchè senza poltrone lei non sarebbe in politica.

Strategia della tabula rasa.

Dice che noi spariamo soluzioni mentre lei è molto riflessiva, e vuole una riforma di tutto il sistema. Ma noi abbiamo solo fatto delle domande, tramite interpellanze ed interrogazioni. Strano che un politica di mestiere non sappia (o faccia finta di non sapere) queste cose. E il secondo quesito Barbati, quello che  rende IREN non compatibile con l’acqua pubblica?

Strategia del facciamoci una critica così sembriamo democratici.

“Io non ho una ricetta”, dice, ma evita di citare la proposta di legge del Forum già depositata.

Perchè fanno tutta questa fatica? non gli conviene iscriversi direttamente al PD?


Comments:0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *