Microcredito:poche risorse, grande risultato

microcredito

Antefatto: il 23 giugno la Cgil lancia l'allarme sui ritardi che si registrano nell'applicazione di strumenti quali il microcredito e la microfinanza da parte degli Enti locali reggiani.

Comunicato Stampa 24 giugno

MICROCREDITO: occorrono poche risorse per un grande risultato

Il richiamo della Cgil sulla scarsa attenzione degli enti pubblici e delle Fondazioni al tema microcredito è quantomai urgente nell’attuale congiuntura economica. Nel redigere il nostro Bilancio a 5 Stelle, prima delle elezioni, avevamo inserito una cifra contenuta a carico del COmune, 200.000 euro, che può avere un impatto già apprezzabile, e che costruisce basi durature per aiutare i cittadini anche in futuro.
Il Comune di Reggio, ricordiamo, è sociotreatment nasal polyps> in Banca Popolare Etica, ed ha quindi già uno strumento per agire. Legando questa forma di credito alla macchina dell’Assessorato politiche Sociali anche le procedure burocratiche sarebbero semplificate. Ricordiamo inoltre che, come dimostra la Grameen Bank in Bangladesh, i cittadini musulmani accettano questa forma di credito e non altre forme tradizionali con alti interessi, perché contrarie ai principi dell’ISLAM. Poiché uno dei problemi dell’attuale immigrazione è l’uscita di capitali dal circuito locale (rimesse all’estero degli immigrati ad esempio), il microcredito potrebbe essere una forma solida di integrazione e di beneficio per tutta la comunità reggiana.
La componente solidaristica è infatti fortissima: in tutto il mondo il microcredito funziona per un patto sociale in cui i beneficiari sono essi stessi responsabili verso altri cittadini nel futuro, e restituiscono il capitale dato in prestito in una percentuale superiore a quella del credito tradizionale.

Rassegna stampa: (1)

Alcune risorse:
Volantino distribuito in campagna elettorale, sotto “Economia”

Programma presentato in febbraio

Microcredito da Wikipedia

zp8497586rq

Comments:2

Comments are closed. You can not add new comments.

  1. sì, un modo gentile che non dà nell’occhio per schivare le banche. almeno per avere quei 10o euro che quel mese mi servono per non vedere chiuso il conto in banca