La Rocca di Scandiano rischia di essere privatizzata!

La storica Rocca del Boiardo di Scandiano è inserita tra i beni che il Demanio potrà cedere ai Comuni e poi finire eventualmente in mano ai privati. Questo emerge dalle prime indiscrezioni relative al provvedimento relativo al “federalismo demaniale”.

L’Italia ha nel suo patrimonio storico, architettonico e di bellezze naturali la risorsa più importante per rilanciare l’economia attraverso turismo e cultura. Nel 2007 il Comune di Scandiano, con un contratto capestro non proprio vantaggioso per la comunità locale, è riuscito ad avere in concessione dal demanio La Rocca. Ma ora questo provvedimento sulla carta rischia che nel futuro questo bene possa essere a sua volta ceduto a privati. Il Movimento 5 Stelle, con i consiglieri regionali Giovanni Favia ed Andrea Defranceschi si dice contrario a questo provvedimento che rischia di mettere nelle mani di privati beni comuni storici che tali devono rimanere.

Già a maggio il Movimento 5 Stelle aveva denunciato con un intervento sul blog di Beppe Grillo la gravità ed i rischi del provvedimento del cosidetto “federalismo demaniale” votato da Pdl, Lega Nord ed Idv.

“E’ necessario salvaguardare la proprietà pubblica di beni come La Rocca di Scandiano – spiegano Favia e Defranceschi – da parte nostra sosteniamo la battaglia portata avanti già dai mesi scorsi dall’associazione “ Meet Up Città Insieme” che ha raccolto 500 firme per rilanciare questo monumento storico attraverso il “Progetto Rocca” ed avere al tempo stesso un contratto equo per il Comune” . “Un progetto questo – concludono i consiglieri Favia e Defranceschi – sostenuto anche dai locali attivisti del Movimento 5 Stelle e che mira a salvaguardare sempre la proprietà pubblica e comune di questo monumento”.

Comments:0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *