La fiaba della menzogna

Mi piacerebbe veramente raccontarvi una favola, la fiaba della buonanotte in stile Pinocchio, ma purtroppo quella che vi racconto è la storia di una menzogna e sicuramente è meno carina dell’opera di Collodi.
Vi voglio parlare del nostro Dario “Pinocchio” De Lucia, per chi non lo conosce consigliere comunale del PD reggiano.

Dario “Pinocchio” De Lucia entrato in consiglio comunale a maggio dello scorso anno assieme al sottoscritto ha l’aria del ragazzotto simpaticone disponibile e cortese, ma indubbiamente anche se non lo da a vedere ha le doti del politico navigato: il dire e non fare, il coinvolgere spacciandosi per “pecora nera” della maggioranza per poi portare acqua a quel mulino che vuol far credere di non sostenere così spesso (un po’ un Pippo Civati locale).
Ma la dote del politico esperto che sicuramente deve sviluppare meglio è quella del mentire, anche se sicuramente per come si sta ponendo negli ultimi mesi, avrà una lunga carriera politica davanti per affinarla.
Deve affinare questa dote perché il politicante che vuole mentire al meglio, lo fa cercando di non farsi smentire. Ma farsi scoprire subito si è un po’ da principianti.

Le sue menzogne volute partono dal 16 marzo 2015 quando, a seguita dell’aventino di noi opposizioni a causa della bocciatura di un ordine del giorno, il buon Dario “Pinocchio” De Lucia penso di postare questa foto, dichiarando che le opposizioni erano a bere il caffè.
Cattura6La battuta e la menzogna senza spiegare la nostra uscita dall’aula non gli era uscita molto bene fin da subito  visto che tutti noi dell’opposizione ci trovavamo nella sala vicina per fare una conferenza stampa urgente su quanto accaduto.
Tanto che un consigliere di opposizione lo smentisce all’istante postando la foto della conferenza stampa in corso.

Cattura4

Ma a Dario “Pinocchio” De Lucia gli fa un baffo l’averla sparata grossa, tanto che quando gli viene detto che per questa goliardata rischia una querela non batte ciglio. Sarà perché in caso di causa paga il PD, oppure perché ormai nel partito avere almeno una denuncia è titolo preferenziale.
Cattura2

Ma il nostro caro Dario “Pinocchio” De Lucia non è contento quindi.
E’ un po’ che non fa dell’informazione distorta per cercare di sminuire le azioni altrui, quindi lunedì scorso 13 luglio ci ricasca.

Per i meno informati, lunedì si è discusso in consiglio comunale un ordine del giorno (ovvero un’azione propositiva) sulla ripubblicizzazione dell’acqua proposto dal MoVimento 5 Stelle con la collaborazione del Comitato Acqua Bene Comune di Reggio.
Un OdG che, come potete leggere qui sotto, si chiedeva di valutare ulteriori possibilità di reperimento di fondi per realizzare la società in house per la gestione locale dell’acqua.
Tra le proposte da valutare vi era quella di utilizzare le azioni di Iren in mano al Comune di Reggio come garanzia verso le banche per l’ottenimento di un finanziamento per l’operazione societaria. Ed inoltre era previsto la richiesta di aiuti a Cassa Depositi e Prestiti, un ente pubblico che già sta operando per la ripubblicizzazione in altre realtà.
[pdf issuu_pdf_id=”150714235126-59438918ad4649f38f9598566867ca4c” layout=”1″ width=”640″ height=”480″ bgcolor=”FFFFFF” allow_full_screen_=”1″ show_flip_buttons=”1″ flip_timelaps=”6000″ ]

(per chi non riesce a visualizzare l’ordine del giorno tramite tablet e smartphone puoi vederlo tramite questo link)

Dario “Pinocchio” De Lucia non ce l’ha fatta dal trattenersi nel dire una menzogna e, nonostante avesse avuto in mano l’odg per tutto il consiglio comunale, ha pensato bene di dire che la nostra proposta era di vendere le azioni Iren.
CatturaMolto tristemente ha cercato di motivare la sua infelice menzogna col fatto che nelle dichiarazioni in aula abbiamo espresso toni forti e intenzioni politiche, ma dopo ormai un anno in consiglio comunale dovrebbe aver imparato che in politica un testo messo in votazione non è interpretabile, non è una poesia o una canzone che ci si può trovare dei significati alternativi.
Un atto messo in votazione è come la matematica: non si può interpretare, ma bisogna basarsi al testo riportato perché è quello che viene votato e non le dichiarazioni dei consiglieri i quali per assurdo potrebbero anche elencare per 10 minuti i pasti della settimana precedente che non avrebbero valore su quanto viene chiesto di votare.
Ma il nostro caro Dario “Pinocchio” De Lucia ha deciso di seguire fedelmente la linea del proprio Capogruppo, quella di mistificare.

Sicuramente il nostro caro Dario “Pinocchio” De Lucia col tempo imparerà a mentire meglio, ma per il momento ci regala tante emozioni da poter raccontare.
A presto per la prossima fiaba.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.