Investimenti sicuri

Venerdì 27 marzo ore 21, presso il circolo Catomes tot di via Panciroli,  “ENERGIA PULITA PER USCIRE DALLA CRISI: le proposte di Reggio a 5 Stelle”, interverranno il Prof. Mauro Gallegati – Economista – Università Politecnico delle Marche, Gianluca Burani – imprenditore – candidato Lista Civica 5 Stelle/Beppegrillo.it, Matteo Olivieri – candidato sindaco Lista Civica 5 Stelle /Beppegrillo.it.

Nel corso della serata sarà letto un messaggio sulla crisi e e le soluzioni da adottare partendo anche dai Comuni del premio Nobel per l’Economia Joseph Stiglitz (Usa).

Il debito pubblico di uno Stato praticamente fallito, la crisi di fiducia sui mercati finanziari, la crisi e la disoccupazione crescenti generano un imperativo: non è consentito sbagliare gli investimenti.

L’unica modalità per non commettere errori è impiegare le risorse finanziarie in investimenti con ritorno garantito, che creino posti di lavoro ed occupazione superiori alle alternative di spesa, che consentano la compartecipazione dei capitali privati ai progetti di investimento tali da innescare la massa critica sul mercato.

Perchè lo Stato deve investire a perdere (strade che costano quando le realizzi e quando le mantieni) e non a rendere? Investendo su energie rinnovabili, risparmio energetico, trasporto pubblico efficiente, internet per tutti, si hanno rendimenti finanziari, risparmi che costituiranno il motore futuro della spesa. Il credito come garanzia del futuro, per dire no al debito come ipoteca su quello stesso futuro. Vota Reggio 5 Stelle.

AGGIORNAMENTO DEL 29 MARZO 2009

Scarica il messaggio inviato dal premio Nobel Joseph Stiglitz

Scarica le slides proiettate dal prof. Mauro Gallegati

Comments:8

  1. Perchè non invitate ad entrare a fare parte della vostra lista? E’ possibile associarsi o simili?

    Potreste lanciare la campagna “vota per te stesso”;-)

    Comunque bravi…avanti così

  2. Non c’è mai problema, i cittadini che ce lo hanno chiesto sono n lista con noi. ma non credere che siano così tanti a volersi impegnare, si sacrifica il tempo libero. se ti interessa o conosci qualcuno reggio5stelle@gmail.com. Grazie mille 🙂

  3. Effettivamente io non avrei il tempo necessario da dedicare e chiedo solo il ruolo di “spettatore”.

    Mi piacerebbe solo avere la possibilità di entrare a fare parte di un “movimento” che apprezzo e nel quale rispongo grandi aspettative. Sarà banale ma se ci fosse la possibilità mi “iscriverei” (…).

    Pensaci potrebbe essere una buona campagna di marketing da fare in piazza la Domenica…magari con in regalo un adesivo da targa per la macchina con il simbolo reggio5stelle.

    Altro suggerimento….non so se hai visto la nuova rubrica “Beppe168”. Chiedigli 5 minuti in coda al suo intervento e vai a raccontare cosa intendi fare a Reggio. Sai che bel colpo sarebbe???

    In bocca al lupo

  4. Complimenti per la serata di ieri. Il profssor Gallegati, una persona davvero interessante, con ironia ed estrema semplicità, è riuscita a mettere in evidenza un sacco di problemi dovuti all’attuale sistema di sviluppo, e a proporre in maniera altrettanto semplice le soluzioni al problema, fra l’alro già in provate da altre relatà mondiali. Olivieri e Burani si sono comportati da veri civici. Alla prossima

  5. Ho appena finito di vedere la gegistrazione della tribuna politica su teletricolore di venerdi sera ed ho percepito un abisso tra le posizioni della lista reggio 5 stelle e quella delle atre liste civiche.

    Una cosa che ho apprezzato moltissimo (e spero che molti l’abbiano percepita) nell’atteggiamento che Matteo Olivieri ha tenuto durante quasi tutta la trasmissione è stato l’esporre in maniera precisa e corretta le proprie idee senza farsi mai coinvolgere in nessuna diatriba con gli altri esponentie e non dando quasi mai a Loro la possibilità di ribattere con affermazioni che avessero potuto far scivolare il dibattito in una delle tante risse televisive in cui improvvisamente i contenuti scompaiono……grande Olivieri!!!!!! (il diverbio finale sul piano regolatore di Reggio è stato più che comprensibile perchè non di può affermare – come ha fatto il rappresentate che sostiene ESTERNAMENTE Delrio – che in un ambiente COMPLETAMENTE SATURO come quello reggiano autorizzare la costruzione annua di SOLI 700-800 appartamenti al posto dei “soliti” 1500 significhi bloccare concretamente l’espandersi del settore dell’edilizia abitativa!!!!!!)

    In conclusione, se volessi mettere un pizzico di cattiveria in questo commento, direi che il proliferare di queste “liste” simpatizzanti esterne (ma figuriamoci!!!!!!) dei partiti o dei poli tradizionali sembra quasi create a tavolino per attirare il più possibile quegli elettori che non si rispecchiano più nel sistema e FARLI RICONVERGERE nella politica tradizionale dalla porta di servizio per mezzo di un appoggio esterno al politico di turno.

    Buona notte e tutti.

    1. purtroppo è così, si chiamano liste civetta. E’ la democrazia malata di un paese e di una città dove ciascuno è un partito. Comunque, c’è di peggio! per esempio che un politico di lunga data possa ammettere tutta la trasmissione i suoi fallimenti uniti alla continua compartecipazione al potere e poter affermare di non appartenere alla casta!

  6. Vi ringrazio del lavoro svolto, avrei voluto partecipare al convegno sull’energia, spero in una prossima occasione.
    Ho visto Report ieri sera, trovo che sia assolutamente attuale proporre anche nella nostra città la realizzazione, come fatto ad Alessandria, di minicentrali elettriche per cogenerazione (potrebbero essere alimentate con le biomasse e i biogas proveniente dagli allevamenti), abbinata alla riqualificazione energetica degli edifici e all’installazione di fotovoltaico. Il comune potrebbe figurare come finanziatore a tasso zero, erogando i soldi necessari alla riqualificazione e riscuotendoli in piccole rate negli anni a venire con il risparmio realizzato (ad Alessandria hanno usufruito anche di contributi pubblici della Comunità Europea, alla quale si è rivolta direttamente l’amministrazione).
    Si avrebbe così, senza nessun costo per l’ente pubblico, risparmio garantito per i cittadini (grazie al conto energia) e creazione di lavoro immediato sul territorio.
    Se il Dott. Olivieri non dovesse diventare sindaco allora proveremo la strada delle cooperative di utilizzatori e consumatori, come già fatto da Retenergia di Fossano.
    In bocca al Lupo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *