L’incognita “Prostituzione”.

A Reggio Emilia i cittadini sono inviperiti e segnalano da anni situazioni indecenti. Strade ed interi quartieri stanno scadendo in un degrado imbarazzante. Bisogna avvisare i cittadini che senza una legge nazionale seria, le forze dell’ordine e anche gli enti pubblici locali non possono fare molto.

Con il termine prostituzione si indica l’attività di chi offre prestazioni sessuali dietro pagamento di un corrispettivo in denaro.

Trovandosi di fronte ad un problema da sempre esistito, mai risolto e chissà se si risolverà, i governi corrono ai ripari. Si passa dalla pena di morte (sic) alla legalizzazione regolamentata. Germania, Svizzera o nel caso dell’Olanda si parla di “prestazione di servizi sessuali remunerata”. Prostituirsi è considerato un “lavoro”. Si può svolgere questo “mestiere” in proprio o da dipendenti, nei luoghi stabiliti dai comuni e solo se iscritti nel “registro delle imprese” , previdenza sociale, busta paga, libretto sanitario in regola, e rispetto tutte le norme vigenti. Lo sfruttamento è perseguito in ogni caso ed il controllo è capillare e semplificato.

L’Olanda non è diventata un Bordello, come qualcuno potrebbe pensare, L’italia si. Noi siamo il paese della via di mezzo. Siamo perbenisti e “quasi” proibizionisti. Non siamo ne carne, ne pesce. Prostituzione? Ni, grazie. La legge Merlin del 1958 ha chiuso le case, riempito le strade, gli appartamenti ed ha arricchito la malavita. Ma almeno in Italia siamo gente “assai più molto perbene”.

In Italia la prostituzione è legale, il cliente può essere multato e si possono “fermare” le prostitute riempendo la questura per due tre giorni al massimo. Il problema non si è risolto, anzi, il giro d’affari è stato “legalizzato” dalle cosche mafiose che, ringraziando, incassano miliardi di euro sfruttando vite umane mettendole in strada o negli appartamenti della città, per la felicità dell’intero condominio.

A Reggio Emilia i cittadini si mobilitano, si indignano e s’incazzano di fronte alla consapevolezza che il problema non sarà mai risolto. Si additano le forze dell’ordine, rese inermi e completamente incapaci dal buco legislativo lasciato da chi ci ha governato negli ultimi 50 anni. Nella nostra città la presenza di ragazze (anche minorenni) e trans si è spinta oltre le zone industriale e le periferie. C’è una forte presenza nelle zone urbane e negli appartamenti allestiti modello “case chiuse”.

Parliamoci chiaramente: lo stato dovrebbe Legalizzare la Prostituzione. Questo non eliminerà il problema dello sfruttamento, non educherà i nostri “utilizzatori finali” a tenere l’uccello in gabbia, non renderà giustizia alle donne, ma non possiamo lasciare il vuoto normativo e l’attuale caos che regna sovrano.
Investiremmo i proventi delle tasse per la prevenzione, la protezione e reinserimento nella società per le persone che denunciano gli sfruttatori. Impegneremmo le forze dell’ordine per distruggere i protettori e la criminalità organizzata e per svolgere controlli a 360 gradi.

Il movimento 5 stelle deve percorrere questa strada.

Vito Cerullo
Cons. Circ. Ovest
Reggio5Stelle BeppeGrillo.it

p.s. Segnalo l’importante iniziatica del comune di RE e di tanti volontari attivi sul territorio. Info e contatti sul progetto “ROSMERY”.

Comments:34

  1. Ci si riferisce alla prostituzione come “il mestiere più antico del mondo”: evidentemente è qualcosa profondamente insito nell’animo umano.
    Personalmente non lo capisco, ma non sono arbitro delle pulsioni dell’animo umano.
    Meglio legalizzare, regolamentare, e tassare, piuttosto che proibire, e lasciare campo libero alla criminalità: concentriamo la lotta contro la riduzione in schiavitù che spesso, al momento, accompagna la prostituzione di ragazze sequestrate, violentate, segregate e maltrattate in ogni modo.
    La legalizzazione permette anche il controllo sanitario, altro problema immenso legato alla situazione attuale.
    Concordo appieno: anche in questo campo, come nelle droghe leggere, nell’eutanasia, nell’inserimento giovanile nel mondo del lavoro e in molti altri, l’Olanda è un modello da seguire.

    Saluti.

  2. In questo progetto, chiedo il parere delle donne. Al tavolo di lavoro che stiamo instituendo, mi piacerebbe avere le donne del M5s (e non).
    Purtroppo, è fin troppo facile non prendere decisioni per non urtare la sensibilità altrui. Sarebbe troppo facile se io dicessi “è una scelta da non fare, è illegale, è immorale”. E poi?

  3. Questo è uno di quegli argomenti canaglia che da qualsiasi parte lo affronti non sai come prenderlo.
    Da parte mia, cercando di lasciare da parte orgoglio femminile, moralismo o altre scuse che facciano perdere il puro senso della nuda realtà, penso di poter dire che come ogni realtà che fà parte di una società deve essere regolamentata, anche perchè non venga poi gestita dalle org.mafiose, come tutto ciò che viene semplicemente vietato o ignorato.
    Ma poi, i disabili, i malati, ecc.ecc. ??? hanno comunque istiti sessuali ai quali sarebbe inumano e forse pericoloso proibire, come potrebbero fare ?
    Sì è brutto da dire, ma è un mestiere e bisogna trovare il modo di regolamentare deve essere una scelta, ma devono pagare le tasse, obbligo sanitario ecc.
    La Merlin aveva chiuso dei ghetti, in cui c’era sfruttamento dovrà essere qualcosa di diverso ma penso che alla fine quella sarà l’ unica strada.

  4. Ho letto il progetto Rosmery, penso sia un buonissimo progetto per eliminare la schiavitù o per dare la possibilità a chi lo fà solo perchè non ha un’ alternativa alla prostituzione.
    Non toglie che penso che la prostituzione sia in molti casi una scelta di vita, che comunque permetta a chi ha stomaco, di non rompersi la schiena in fabbrica.
    Quindi confermo il mio precedente commento, dove affermo che deve essere una libera scelta.
    Il progetto dovrebbe eliminare la schiavitù, e quindi è giusto che siano inquadrate come libere professioniste.

    1. Where’s his lapel flag? That was a deliberate screw up on the pledge, that man can never say the pledge right! Hallelujah!! You bunch of liberals are all duped! I tell ya what, that looked to me a hellava lot like a Koran too. – Pastor Bob – Independent Fundamentalist Baptist Minister

    2. Miam miam !Merci pour tes conseils toujours utiles. Je tente en ce moment de jouer un peu avec l’exposition (un des rares paramètres que je puisse régler) mais je constate que l’expo « par défaut » est plutôt correct. Par contre, le fait de se décaler très légèrement c’est vraiment une bonne solution pour les reflets. (j’aimerai bien voir une photo de toi, ton gros zapareil et ton polystyrène en action !)

    3. · Skip counting is more than a memory aid–it helps kids later on when they need to use and understand multiples. Some math programs make this a regular part of learning multiplication. This song is particularly helpful to auditory kids. I can still recall my 3rd grade teacher’s multiplication chants. “9 time 6 is 54, shut the door and say no more!”

    4. Uniões Politicas mais parecem formações de quadrilhas. Não temos avançado no sistema democrático Republicano, a ditadura militar era mais republicana que o sistema atual, voto distrital, diminuição de partidos, menos cargos de confiança por cargos por mérito, fim da reeleição, novo pacto federativo, judiciário menos arrogante entre outras tantas reformas que precisamos.

  5. Ho letto il progetto Rosmery, penso sia un buonissimo progetto per eliminare la schiavitù o per dare la possibilità a chi lo fà solo perchè non ha un’ alternativa alla prostituzione.
    Non toglie che penso che la prostituzione sia in molti casi una scelta di vita, che comunque permetta a chi ha stomaco, di non rompersi la schiena in fabbrica.
    Quindi confermo il mio precedente commento, dove affermo che deve essere una libera scelta.
    Il progetto dovrebbe eliminare la schiavitù, e quindi è giusto che siano inquadrate come libere professioniste.

  6. Libere professioniste? Ma se non sono liberi di fare il loro onesto lavoro neppure i piccoli imprenditori edili, perchè sono taglieggiati dalle mafie! Figuriamoci chi vive comunque ai margini e frequenta comunque la feccia della società!
    Non si tratta di avere o non avere stomaco, si tratta di rischiare violenze e soprusi comunque, con o senza le solite dichiarazioni messe a tutela, sulla carta, della totale indipendenza di ogni prostituta.
    Per quanto riguarda invalidi e malati la verità è che un surrogato di sesso senza alcun tipo di amore sia un’umiliazione peggiore che la frustrazione di starsene da soli.
    Insomma penso che se questi invalidi o malati hanno abbastanza fiato per andare a prostitute, possono averne anche per frequentare altre donne, invalide o malate, o comunque non straordinariamente belle, però capaci di instaurare un rapporto più umano con loro.
    Sono sempre convinta che l’uomo non viva di solo sesso, oggi invece pare che senza sesso manchi l’aria, è invece la mancanza d’amore che fa veramente male al cuore dell’umanità.

  7. La legalizzazione della prostituzione è come la legalizzazione della droga, quindi lo Stato lascia che sia il singolo a decidere per il suo bene, confidando che ogni cittadino abbia sufficiente buon senso per non cadere vittima prima di un’abitudine, poi di un vizio che lo abbrutisce e schiavizza fino a trasformarlo nella caricatura degradata di un essere umano.
    Voglio farvi una domanda: vi piacerebbe essere figli di una prostituta, sapere che vostra madre è considerata una sorta di kleenex assorbitutto , ricettacolo di ogni depravazione umana? Vi piacerebbe sapere che vostro figlio, il vostro bambino o la vostra bambina, un giorno potrebbero decidere, in un momento di sconforto, di vendersi a vecchi babbioni, a malati e a gente schifosa? Ma quale amore avete per le generazioni future, per lasciare che queste credino che sia legittimo e normale tutto questo?

  8. Siamo, o non siamo, responsabili della vita del nostro prossimo? Perché raccontarsi che ognuno decide per sé secondo coscienza? E se tuo fratello sbaglia, lo lasci sbagliare o cerchi di illuminarlo sulla via del bene? Uno Stato che smette di proteggere con la sapienza distinguente del bene e del male, i propri cittadini, è uno Stato inutile, proprio come un genitore che invece di educare il figlio si preoccupa solo di dargli un letto ed un biberon. Lo Stato non deve assecondare gli istinti peggiori degli uomini, andatevi a rileggere Platone – La Repubblica – !

  9. Perché invece di santificare la prostituzione non cominciamo a dare sanzioni e carcere duro ai clienti? Insomma vi rendete conto che andare a prostitute ed escort non è una necessità, ma un vizio? Non viviamo in Arabia Saudita, non è che le donne vivono segregate in un harem, penso che gli uomini di oggi abbiano fin troppo nel piatto, e dovrebbero cominciare ad accontentarsi e sopratutto a valorizzare le donne che frequentano nella vita di tutti i giorni, imparando a riconoscere in loro non solo una macchina per fare sesso. E’ sbagliata la concezione della donna, è sbagliato tutto, e legalizzare la prostituzione ci riporta al tempo degli antichi romani, con postriboli in ogni angolo della città..

  10. Più si parla di sesso e più mi fa schifo, più se ne fa una moda e più mi sembra idiota, più si ostenta e più mi pare volgare, più se ne fa un dictat e più vorrei fare l’eremita.

  11. Sig Panko, posso condividera la sua morale sull’etica e sulla dignità. Mi permetto di aggiungere che nessuno vuole intaccare i valori, l’etica o l’educazione dell’individuo, per questo ci sono già le tv, giornalietc.. che ogni giorno comprano e svendono dignità. Mi permetto ancora di ribadire che il metodo repressivo non può funzionare. Parliamo di un problema interno alla ns “società”. Nonostante nei paesi arabi ci sia la pena di morte, la prostituzione e i clienti continua ad esistere. Gli stessi clienti che condannano, praticano il sesso a pagamento. ben venga sostenere progetti come quello citato nell’articolo. Altre idee a parte il carcere, castrazione chimica e pena di morte?

    1. p eavesdropperAIX, not XBOX. AIX is an IBM unix server.James T Kirk is a natural and super leader. Discussions of leadership lead to the new movie.You’re more than welcome to laugh, cough, snort or IM during my calls. i just didn’t want you spinning my chair around and jump on my lap for a lapdance during the video call.I’m off the call now!

  12. Responsabilizzare il cittadino, educarlo non solo ad un ideale di ambiente pulito e sano, ma anche a una mente pulita e sana.

  13. @Pinko:
    sembra che legalizzare la prostituzione, cosi come le droghe e altri tabù, sia come incoraggiarle.
    Magari provate a pensare che legalizzare = gestire!

    Non mi sembra che la Germania sia più depravata dell’Italia, anzi … non mi sembra che la % di tossici in Olanda sia peggio che negli iperproibizionisti USA, anzi …

    Proprio perchè vorrei più sicurezza per i miei figli vorrei che certi fenomeni fossero NELLA legge, e non FUORI.

  14. Purtroppo questo articolo ha proprio colpito il segno. I commenti si spaccano a metà tra il perbenismo e la finta liberalizzazione con molti se e ma.
    Certo, si potrà obiettare a lungo, ma non è solo una questione di soldi tolti alla mafia.
    La mafia, e l’illecito in genere, ha reso la prostituzione sfruttamento. Che è cosa ben diversa. Lo sfruttamento è da condannare, la prostituzione no. Quello è perbenismo inutile. Allora togliamo i film porno. Io sono una donna, fiera di esserlo. E questo mestiere non rende le donne indegne di esserlo. La dignità la toglie lo sfruttamento, la violenza e il sopruso. Ed è inutile dire di più. La riflessione si fa senza pregiudizi, con la consapevolezza di ciò di cui si parla, non con lo scudo della paura di perdere l’ordine precostituito. Anche perchè l’ordine di cui parla la maggior parte della gente in realtà è un’allucinazione….

  15. Hola, leí la novela hace ya mucho tiempo. Y la película la he visto un par de veces, la de Gregory Peck, se que hay otra versión más moderna pero no la conozco.Buena parte de la película la rodaron en Las Palmas de G.C. dicen que fue todo un acontecimiento en esa época. Y como anécdota le diré que dicen que Gregory Peck cogió tremenda borrachera y se dedicó a romper los muebles en el hotel Sta. Catalina que era donde se alojaban.Saludos y buen fin de semana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *