INCARICHI ESTERNI : IL COMUNE SI METTE DEFINITIVAMENTE NEI GUAI CONFERMANDO LA CATTIVA GESTIONE.

Le precisazioni presentate oggi dal Comune di Reggio Emilia sono agghiaccianti e sono uno schiaffo all’intelligenza dei cittadini reggiani. Con le ultime dichiarazioni la posizione del Comune è definitivamente compromessa.

1. Ci dicono che volontariamente non è stato cambiato il regolamento nel 2008, nonostante i rilievi della Corte dei Conti, perché lo stesso prevedeva che sotto i i 20.000 euro di incarico si potesse procedere con affidamento diretto.

Peccato che nel verbale di controllo degli incarichi del 12 febbraio 2016 per il secondo semestre 2015 (unico controllato dall’entrata in vigore della legge sui controlli amministrativi), verbale firmato dalla Segretaria Generale Rosa Iovinella, dal Vice Segretario Aggiunto Santo Gnoni e dal Dirigente del Servizio Affari Istituzionali RobertoMontagnani, a pagina 2 si scriva :

Incarichi diretti Un aspetto del regolamento che è stato censurato dalla Corte dei Conti è la possibilità di affidamento diretto di incarichi, qualora siano di importo inferiore a 20.000 euro,”

Ma in Comune leggono quello che scrivono?

Per non esagerare, tralascio il fatto che a pagina 6, nella deliberazione della Corte dei Conti 153 del 2015 si scrive “ Per quanto precede, si ritiene doveroso richiamare il Comune in ordine ai seguenti aspetti.

1. La disciplina regolamentare, nel prevedere all’art. 2, comma 5, ett. a) e b) la possibilità per l’ente di conferire incarichi tramite affidamento diretto, e quindi senza esperimento di procedura comparativa, si pone in contrasto con i principi di imparzialità, pubblicità e concorrenza, lì ove si riferisce alle seguenti ipotesi: – “quando l’importo della spesa non superi l’ammontare di € 20.000,00”, poiché esclude la previsione di procedura comparativa mediante emissione di avviso pubblico rivolto alla generalità degli interessati”.

2. Il Comune scrive che veniva fatta una procedura comparativa dei curricula pervenuti spontaneamente.

Nell’art. 7 comma 6 bis della legge 165 del 2001 (comma del 2006) è scritto che “Le amministrazioni pubbliche disciplinano e rendono pubbliche, secondo i propri ordinamenti, procedure comparative per il conferimento degli incarichi di collaborazione.”

Quindi chiediamo: quali erano i criteri per la procedura comparativa, tali criteri sono stati pubblicati come prevede la legge, come venivano applicati tali criteri e da chi? , gli esiti delle procedure venivano verbalizzati?

Faremo accesso agli atti per avere delucidazioni in merito.

3. E per non fare mancare niente ai cittadini reggiani, apprendiamo con stupore che esiste una banca dati informale di curricula che pervengono da persone che si candidano spontaneamente.

Cioè ci sono persone che, mentre fanno la vasca in Via Emilia, ne approfittano per lasciare il proprio curriculum in Comune per non si sa quale incarico, per non si sa quale periodo e per non si sa quale compenso.

Nessuno sapeva di questa banca dati e la raccolta dei curricula non è mai stata pubblicizzata.

Quindi ci chiediamo, ma chi sono queste persone alle quali per anni sono stati affidati incarichi di consulenza e collaborazione?

E cominciamo anche a capire come mai i nomi che ricorrono nell’elenco degli incarichi spesso sono gli stessi.

E faremo un accesso agli atti per capire qual’è l’effettiva consistenza del totale degli incarichi e se i documenti pubblicati sul sito del Comune, che consentono di determinare un ammontare complessivo di 12,45 milioni di euro in 5 anni e mezzo sono completi.

Da segnalare, inoltre , che la legge 165 del 2011 al comma 6c dell’articolo 7 prevede che :

“la prestazione deve essere di natura temporanea e altamente qualificata”.

Cercheremo, quindi di capire se questa natura temporanea è stata rispettata, o se il reiterare di incarichi  alle stesse persone nel corso degli anni non sia stata un’elusione della legge.

E’ evidente che in Comune a Reggio Emilia l’arroganza ha preso il sopravvento, ma noi non staremo a guardare.

Alessandra Guatteri

Gruppo Consiliare Movimento 5 Stelle

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.