Il PD chiede risposte? Eccola: incompetenti al potere.

Riqualificazione via Rinaldi: finalmente ascoltate le richieste dei cittadini

Una strada che franava sotto il peso dell’incompetenza. Lo stesso partito, il Piidddiii, che in passato ha pianificato e realizzato il modello di città che ci ritroviamo, occupa le posizioni strategiche per pianificare la risoluzione dei problemi da lui creato.

order cialis online without prescriptionicolo-pubblico.jpg” alt=”” width=”201″ height=”251″ />

 

Riqualificazione via Rinaldi: finalmente ascoltate le richieste dei cittadini

 

Una strada che franava sotto il peso dell’incompetenza. Lo stesso partito, il Piidddiii, che in passato ha pianificato e realizzato il modello di città che ci ritroviamo, occupa le posizioni strategiche per pianificare la risoluzione dei problemi da lui creato.

Le forti pressioni che i cittadini hanno esercitato sull’amministrazione reggiana è stata determinante per raggiungere l’obiettivo più ambito. Via Rinaldi sarà ricostruita dalle fondamenta. Un investimento da 1.300.000 euro, e di così corposi e articolati ormai non se ne vedono più. I cittadini e le imprese vedranno migliorare i servizi che un comune deve garantire verso coloro che contribuiscono con il pagamento delle tasse.

Il PD in consiglio di circoscrizione si interrogava sul perchè in aperta campagna ci siamo ritrovati degli insediamenti urbani sparsi qui e là. Nel solo periodo che va dal 2000 al 2005 le frazioni di Cavazzoli e Roncocesi hanno visto crescere l’insediamento urbano del 30%, una vera mostruosità, ma non per chi lo ha permesso. Il PD resta perplesso di fronte alla presenza di industrie in aperta campagna. Complessi industriali ed urbani che fanno muovere centinaia di camion ogni giorno ma sono serviti da una stradina di campagna. Una strada impervia come quella di via Rinaldi non riesce e non poteva contenere migliaia di auto e camion. Una strada che frana sotto il peso dell’incompetenza. Le stesse persone che in passato hanno pianificato e realizzato il modello di città che ci ritroviamo, occupano delle posizioni strategiche per pianificare la risoluzione dei problemi. I cittadini meritano una classe dirigente competete. Fuori tutte le nomine partitiche dalle società strategiche, avanti con la politica biodegradabile come diceva Paride Allegri, massimo 2 mandati(non cumulabili tra i vari enti se non diventano 4,6,8…) e poi a casa oppure a far politica senza cariche e gratuitamente tra la gente con banchetti, riunioni, idee etc.

Il sistema dei partiti dei politici di professione a vita ha fallito in ogni campo. Cercano di mettere una pezza su tutto, ma continueranno a perdere credibilità.

Vito Cerullo
consigliere circoscrizione Ovest

Comments:1

  1. Sull’occupazione di posizioni strategiche sono perfettamente d’accordo. Ciò accade perchè LE ATTUALI REGOLE consentono che i partiti nominino i propri uomini (spesso dei politici trombati), allo stesso modo si è creata a tutti i livelli e in particolare a quello nazionale una sorta di RETE DI PROTEZIONE della casta, per cui anche il provvedimento più sfacciatamente logico e di buon senso e anche se questo è addirittura proposto dal sistema stesso o da chi lo rappresenta, viene in qualche modo svuotato o cassato (vedi il caso recentissimo della Consulta sul mini prelievo ai maxi stipendi) da organi preposti al controllo che sono in pratica espressione dei controllati. Per cui sarà necessario per evitare di veder cadere tutto nel vuoto avere la sufficiente forza per RISCRIVERE LE REGOLE, a partire dall’impianto costituzionale. Comunque complimenti per l’articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *