Giù le mani dal referendum, presidio oggi davanti alla Prefettura

Presidio dei Comitati Referendari davanti alla Prefettura di Reggio Emilia
Lunedì 2 Maggio, ore 18. Lunedì 2 Maggio, alle ore 18, dinanzi alla Prefettura di Reggio Emilia, il Comitato Referendario Reggiano 2 Sì per l’Acqua Bene Comune e il Comitato Referendario Vota Sì per fermare il nucleare – Reggio Emilia convocano un presidio per richiamare l’attenzione della stampa, del corpo elettorale e delle Istituzioni sulle recenti decisioni del Governo nazionale che rischiano di annullare all’ultimo momento il corretto svolgersi dei referendum previsti per il 12 e 13 Giugno

Pubblichiamo integralmente il comunicato del Comitato Referendario per l’Acqua Pubblica.

Si consegnerà nelle mani del Prefetto di Reggio Emilia un documento da far pervenire direttamente ed urgentemente al Presidente della Repubblica.

Tale iniziativa si svolge negli stessi giorni in tutte le città capoluogo di provincia e viene indetta in quanto si ritiene essere in corso un pericoloso attacco alla partecipazione democratica in questo Paese: si sta cercando d’impedire al popolo italiano di decidere su temi importanti come quelli sottoposti ai quesiti referendari.

Ciò non è accettabile! E non può essere oggetto di azioni normative correttive da parte del Governo o del Parlamento, ad appena 50 giorni dalla chiamata alle urne per il più rappresentativo istituto della democrazia a disposizione della volontà popolare. Le recenti dichiarazioni del Ministro Romani sull’intenzione di effettuare un “approfondimento
legislativo” sulla normativa che regola la gestione del servizio idrico oggetto dei prossimi referendum del 12 e 13 giugno e quelle del Sottosegretario S. Saglia (che propone di istituire un’Autorità terza e indipendente), hanno suscitato grande attenzione e grande preoccupazione da parte di tutti quei cittadini e quelle cittadine che hanno a cuore la democrazia nel nostro Paese. Allo stesso tempo, la soluzione legislativa approvata nei giorni scorsi dal Parlamento in tema di energia nucleare, è palese non rispondere all’intento dei promotori del referendum finalizzato a decidere l’uscita -in modo definitivo- del nostro Paese dalla produzione di energia da fonti atomiche.

Inoltre, sottolineiamo anche la gravità della situazione di stallo in cui si trova l’approvazione del regolamento in materia di comunicazione politica presso la Commissione di Vigilanza RAI, il cui ritardo, di fatto, impedisce alla maggior parte dei cittadini e delle cittadine italiani di accedere ad una corretta informazione sui referendum di giugno, come invece la Legge prevede.

Per tali motivi, è stata concordata l’urgenza di testimoniare anche a Reggio Emilia l’attenta vigilanza democratica dei cittadini: vogliono far sparire il referendum! La sovranità appartiene al popolo: questo dice la Costituzione.

Invitiamo tutta la cittadinanza a presenziare all’incontro con bandiere tricolore, copie della Costituzione, bandiere e simboli dei referendum e rivolgiamo un invito alla stampa locale per registrare assieme a noi il dibattito che verrà sviluppato nel presidio e nell’incontro che chiediamo con la Prefettura. Nell’occasione daremo pubblica lettura dell’appello che intendiamo far pervenire direttamente al nostro Presidente della Repubblica.

Giù le mani dal Referendum!

Comitato Referendario Reggiano 2 Sì per l’Acqua Bene Comune – acquapubblica.re@gmail.com 3484932443 – 3491967628
Comitato Referendario Vota Sì per fermare il nucleare – Reggio Emilia – nonukere@gmail.com 3479785923 – 3493645023

Comments:0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *