GIOVANI AGGREDITI, SINDACO E L’ASSESSORE LA SMETTANO DI MINIMIZZARE

Il gravissimo episodio accaduto ai Giardini, che si somma a quanto accaduto il 14 gennaio  scorso al titolare della libreria Ariosto non fa che aumentare la nostra certezza e cioè che Reggio Emilia non è una città sicura.

Ampie zone della città sono in mano alla microcriminalità e ormai anche andare a fare una passeggiata di sera presenta dei rischi.
Per chi ha dei figli le preoccupazioni sono raddoppiate e credo che molti genitori oggi si staranno interrogando sul da farsi.
Anche perché viene da chiedersi, con un brivido,  cosa sarebbe successo se non ci fosse stato il bar aperto ad accogliere i ragazzi aggrediti.
E per fortuna che fino a qualche mese fa l’amministrazione PD, minimizzando come al solito,  ci voleva fare credere che la sensazione di insicurezza era solo percepita e che a Reggio era tutto a posto .
Di certo c’è che Reggio Emilia non è più la città nella quale fino a 15 anni fa ci sentivamo sicuri di girare per strada anche di notte, ormai si ha paura anche solo all’orario di  chiusura dei negozi.
Chiediamo, quindi, al Sindaco e all’Assessore di prendere immediati provvedimenti, in coordinamento con tutte le forze dell’ordine, per riportare in sicurezza il Centro Storico e la zona dei Giardini e dei Teatri.
E’ necessario che venga al più presto ripristinata l’illuminazione di Piazza Martiri del 7 luglio e in tutte le altre zone buie. Occorre che il centro venga presidiato e che si agisca con mano ferma contro chi intende fare della nostra città un ring per incontro tra bande.
I Giardini devono ritornare a essere il Parco del centro e non una terra di nessuno dalla quale scappare nelle ore serali.

Alessandra Guatteri
Capogruppo Gruppo Consiliare Movimento 5 Stelle

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.