Fotovoltaico: panico di una sorda maggioranza

Il decreto “ammazza solare” del Governo getta nell’incertezza gli operatori: la nostra intervista alla Fiera ECOCASA. Il PD costretto ad ammettere l’ennesimo fallimento, in una maggioranza sorda ai nostri consigli: ecco tutte le prove.

Il cosiddetto decreto “Ammazza solare”, che sospende le decisioni prese appena 3 mesi fa dal governo sulle entità degli incentivi del Conto Energia, getta nel panico gli operatori e gli investitori, grandi e piccoli del fotovoltaico, dai cittadini che vogliono farsi un piccolo impianto sopra il tetto di casa, ai Comuni che hanno previsto un impianto per generare un reddito nel futuro.

Abbiamo intervistato un addetto del settore alla Fiera ECOCASA che si è tenuta in questi giorni a Reggio, da cui emerge chiaramente lo sconcerto per le decisioni del Governo.

Intanto la maggioranza del PD è presa da sconforto: da tempo denunciamo il grave ritardo del Comune di Reggio, e i rischi ad esso legati.

Solo alcune settimane fa veniva respinta la nostra proposta di installare piccoli impianti coi soldi degli abusi edilizi, a cominciare dal cinema Rosebud, proposta bollata di demagogia dal PD! La mozione venne presentata l’estate scorsa, adottare il nostro progetto avrebbe consentito di evitare la mannaia del Governo.

A fine luglio 2010 avevamo lanciato l’allarme sui ritardi e sui rischi per il Comune, in seguito al primo bando che andava deserto. La proposta venne respinta e copiata surrettiziamente, come d’abitudine, dal PD, un Partito allo sbando sulla questione.

Non ci sorprende la decisione del Governo, ora colpito dalla rivolta degli operatori di tutt’Italia, in quanto già da tempo Lega e PDL, in Comune di Reggio, agitavano l’ombra del nucleare in una apposita Commissione.

Lo diciamo ad alta voce, ora: si proceda alla realizzazione di piccoli impianti che, sommando i benefici del Conto Energia e dello scambio sul posto, cioè degli incentivi e dei risparmi in bolletta, possono con poco dare molto in futuro. Un po’ meno rotonde, un po’ più solare.


Comments:0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *