Fotovoltaico, nuovo flop del Comune!

Di nuovo revocato il bando per il fotovoltaico sui tetti degli edifici comunali, dopo che a luglio la prima gara era andata deserta. La mannaia del Governo si è abbattuta sugli incentivi, rendendo impossibile mantenere le previsioni finanziarie. Il resto lo ha fatto l’incompetenza del PD e una Giunta che straparla, facendo figure ridicole una dietro l’altra.

Di nuovo revocato il bando per il fotovoltaico sui tetti degli edifici comunali, dopo che a luglio la prima gara era andata deserta. La mannaia del Governo si è abbattuta sugli incentivi, rendendo impossibile mantenere le previsioni finanziarie. Il resto lo ha fatto l’incompetenza del PD e una Giunta che straparla, facendo figure ridicole una dietro l’altra.

La cronologia:

– con notevole ritardo, la Giunta pubblica il 13 aprile 2010 una prima gara per l’installazione di pannelli fotovoltaici sui tetti comunali;

– a luglio 2010, causa anche complicazioni estreme nel bando, salta la gara;

– interveniamo subito, chiedendo che il bando venga immediatamente ripubblicato, oppure che si realizzi anche un solo intervento con soldi propri, per approfittare degli incentivi altissimi;

panico nella maggioranza, che produce un documento incomprensibile copiato dal nostro (pare che il segretario del PD sia una fotocopiatrice Xerox), tranne la parte del singolo intervento diretto;

– non ci arrendiamo, presentiamo dopo pochi giorni una mozione per investire i proventi degli abusi edilizi in piccoli ma redditizi interventi (Cinema Rosebud);

– intanto, dopo ben 8 mesi, a febbraio 2011, viene ripubblicato il bando;

– incredibilmente, la nostra proposta viene bocciata dal PD e bollata di demagogia (per contro riceviamo il sostegno di numerosi cittadini);

– arriva la mannaia del Governo, scatta il panico di una sorda maggioranza;

– infine, viene revocato il secondo bando.

Una vicenda ricca ma poco entusiasmante. Se avete suggerimenti o dritte da proporci commentate l’articolo o scriveteci a reggio5stelle@gmail.com.

Comments:0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *