E’ la BACCHI spa la ditta bloccata per c.a.mafia a Novellara?

La ditta vincitrice dell’appalto per il terzo stralcio della Tangenziale di Novellara, a cui non è stato rilasciato il certicato antimafia dalla Prefettura e che si è vista quindi bloccare l’attività, sembrerebbe essere la Ditta BACCHI spa, un’importante industria reggiana doc delle escavazioni e dei lavori di cantiere. Questo ciò che parrebbe emergere dall’assegnazione dell’appalto effettuato da Iniziative Ambientali srl, una società mista tra Iren, Sabar e Unieco nella veste di stazione appaltante. Il terzo stralcio della tangenziale è infatti opera di ristoro ambientale (compensazione) della gestione della discarica di Novellara.

La ditta vincitrice dell’appalto per il terzo stralcio della Tangenziale di Novellara,  a cui non è stato rilasciato il certicato antimafia dalla Prefettura e che si è vista quindi bloccare l’attività, sembrerebbe essere la Ditta BACCHI spa, un’importante industria reggiana doc delle escavazioni e dei lavori di cantiere. Questo ciò che parrebbe  emergere dall’assegnazione dell’appalto effettuato da Iniziative Ambientali srl, una società mista tra Iren, Sabar e Unieco nella veste di stazione appaltante. Il terzo stralcio della tangenziale è infatti opera di  ristoro ambientale (compensazione) della gestione della discarica di Novellara.

Il disciplinare di gara può essere visionato qui. L’esito della gara stessa è invece contenuto in questo annuncio da parte della stazione appaltante.

Se si verificherà che è la Ditta BACCHI spa di Boretto il soggetto in questione (che ricordiamo potrà fare ricorso contro l’azione del Prefetto) , alcuni interrogativi si porranno anche sulle concessioni per l’escavazione di sabbie del Po di cui gode la ditta stessa in alcuni Comuni della nostra Provincia. Almeno fino alla conclusione delle eventuali vicende giudiziarie legate al non rilascio del certificato antimafia.

Comments:12

  1. Bacchi chi? L’amicone di Alessandri? L’amicone di Di Pietro? L’amicone di Zobbi?
    L’amicone della Masini?L’amicone di Davide Boni? L’amicone dei sindaci di Brescello, Boretto, Campegine, Gualtieri, Guastalla e Luzzara?

  2. Bacchi chi? Quello che stocca da due anni [censurato] più di seicentomila tonnellate di rifiuti speciali in area golenale, per giunta esondabile?
    Con silenzio assenso di Provincia, Aipo, Regione, Sindaco borettese, Arpa e quant’altro? Ceneri della Sadepan, fanghi industriali, ceneri di inceneritori industriali, scorie di acciaieria bresciana, con micropolveri che svolazzano allegramente ovunque nell’ambiente e [censurato]? Bacchi chi? Quel Bacchi innominabile ed intoccabile persino dalla Gabanelli, che nella sua puntata sulle cave ha saltato pari la nostra provincia per non scottarsi con tutta la cortigianeria del Pd?

  3. Venditti cantava bene : – in questo mondo di ladri….. –
    Questo è il leit-motiv che si ode nei corridoi dei palazzi del potere e chi ha orecchie per intendere intenda, e faccia anche presto. Grazie

  4. Iniziative Ambientali. Non è chiaro affatto l’intento di Unieco, Sabar ed Iren.
    Dovevano forse smaltire rifiuti tramite la Bacchi?

  5. Attenzione! Iniziative Ambientali è solo la stazione appaltante, forse per accordi con il Comune di Novellara, essendosi del tutto verosimilmente addossata la realizzazione dell’opera in tutti i dettagli, compresa la gestione della gara.

    Pertanto la gestione rifiuti non c’entra nulla con la tangenziale, se non legata ad accordi che hanno portato l’opera come compensazione dell’attività della discarica.

    Nelle procedure di Valutazione di impatto Ambientale sono previste le cosiddette “mitigazioni” e “compensazioni”, vale a dire misure che vengono adottate autonomamente dal Proponente (in questo caso Iniziative Ambientali) o prescritte, cioè imposte, dall’Autorità Competente (in questo caso la Provincia, ma anche il Comune che siede al tavolo della Conferenza dei Servizi)

    Poi si può obiettare, ed il MoVimento 5 Stelle lo fa fortemente perchè ha una visione completamente opposta sui rifiuti rispetto ai nostri governanti del PD, che una strada non è una gran compensazione o “ristoro” per un impianto come una discarica, che già pesa sul territorio.

    Meglio compensare facendo la raccolta porta a porta dei rifiuti in tutta la Provincia, che ormai facciamo ridere i polli! In quel caso molti meno camion conferirebbero rifiuti indifferenziati presso la discarica di Novellara.

    Crediamo siano precisazioni utili.

  6. si, tecnicamente è come dici tu. però sai anche che certi affari funzionano secondo ben altre logiche. Perchè hanno preferito questa ditta ad un’altra?Che legame c’era? Simpatia per un bel faccino?Andiamo !!!!

  7. Lo riscrivo:

    In pochi mesi alcune aziende sono state fermate per mafia (troppe). Ditta Silipo Luigi(subappalto Ospedale di Scandiano) Vasapollo e Lomonaco, Consorzio Primavera e Giada Srl(le ultime hanno fatto ricorso al TAR). Già questi segnali avrebbero dovuto scatenare un “fermento” negli enti direttamente o indirittamente coinvolti.

    Camera di commercio e Prefettura (oltre alle forze dell’ordine) credo, siano stati i più attivi sia nel “proporre” che nel “contrastare”. Bini, addirittura ridicolizzato per aver “forzato” politica ed opinione pubblica a parlarne. (non è il solo) Consenso… “il nostro tessuto sociale è sano”. Frase ripetuta migliaia di volte, una frase che colpisce l’orgoglio dei cittadini onesti (la maggior parte) capace di mantenere inalterato lo status quo, ma intanto la mafia avanza. E’ davvero tutto apposto?. A Novellara hanno fermato i lavori. Milioni di euro. Certo, è un vero peccato. Riprenderanno i lavoro, poi, le forze preposte indagheranno. Come lo chiamte voi questo modo di agire? Mi permetto. Interessi, prima di tutto. Solo il ragionamento fa ingrassare la mafia.

    Se si vuole risolvere il problema bisogna colpirli nel loro punto debole. I SOLDI. Se ne fregano di andare in galera. Un mafioso lo mette in conto. Ma i SOLDI. I loro soldi non si toccano!!!. Confisca, prevenzione, fare rete da nord a sud (come cerca di fare la camera di comm). Quei soldi “servono”, e sono tanti. Vengono stimati.. in centinaia di miliardi anno. Il problema è nazionale.

  8. Duccio Fumero
    Giornalista professionista tuttofare, Duccio Fumero ha da anni un grande interesse per la palla ovale

    Argomenti Correlati
    Aironi, Celtic League, finanziamenti, Lombardia, Magners League, Regione Lombardia, Viadana

    0
    Un investimento di quasi 12 milioni di euro per riqualificare le strutture sportive di Viadana e svilupparne le potenzialità, realizzando le condizioni necessarie affinché possano essere ospitati avvenimenti sportivi di rilevanza internazionale, come la Celtic League, cui gli Aironi di Viadana hanno ottenuto l’accesso permanente per almeno 4 anni. E’ questo l’obiettivo dell’accordo di programma firmato ieri dal presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni.

    L’accordo di programma porta, come detto, la firma presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, così come quelle dall’assessore allo Sport e Giovani, Monica Rizzi, dei rappresentanti della Provincia di Mantova (presidente Maurizio Fontanili) e del Comune di Viadana (vice sindaco Giorgio Penazzi). All’intesa aderiscono anche la società sportiva Rugby Viadana e la società Lavadera Village, rappresentate rispettivamente da Daniele Silvano Melegari (presidente) e Claudio Bacchi (legale rappresentante). Formigoni ha sottolineato come si sia arrivati alla firma dell’accordo e al conseguente avvio dei lavori “in tempi molto stretti”, ricordando l’attenzione della Regione per una importante società sportiva, come quella di rugby di Viadana, che ha sede in un piccolo centro.
    L’accordo prevede un contributo a fondo perduto a favore del Comune di Viadana da parte della Regione Lombardia del valore di oltre 4 milioni di euro (iva compresa) che, sommato ai 750 mila euro del Comune di Viadana e ai 250 mila della Provincia di Mantova, portano l’ammontare complessivo del finanziamento ad oltre 5 milioni di euro, che serviranno a riqualificare ed ampliare le infrastrutture dello stadio Zaffanella al fine di garantire agli Aironi una ricettività di 6 mila posti a sedere con il raddoppio della Tribuna Est e l’ampliamento fino al campo da gioco della Tribuna Centrale, dotando l’impianto anche di una nuova area hospitality e di un nuovo e ampio parcheggio.
    I lavori prenderanno il via a breve e prevedono tre step. Entro settembre verrà ampliata la Tribuna Est e le gradinate della Tribuna Centrale verranno portate fino al livello del terreno di gioco, portando la capienza dello Zaffanella dagli attuali 4600 a 6000 posti. Entro il 2011 verrà costruito il nuovo parcheggio con oltre 200 posti auto (con relative modifiche alla viabilità). Inoltre verranno realizzate le infrastrutture di collegamento al Lavadera Village; le strutture dedicate al rugby dello stesso Lavadera Village verranno potenziate per permettere la preparazione degli Aironi e delle altre squadre ospitate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *