CREIAMO IL PERCORSO DELLA ‘REGGIO ROMANA’

CULTURA & TURISMO: M5S, CREIAMO IL PERCORSO DELLA ‘REGGIO ROMANA’ VALORIZZANDO AL MASSIMO I NOSTRI SITI ARCHEOLOGICI, MUSEI E SCOPERTE  

Le proposte che il M5S porterà in Parlamento, Regioni e Comuni. La Mediopadana deve rappresentare un polo attrattivo per i turisti che già gravitano su Firenze, Milano, Roma, Torino. Cosa si sta facendo?

REGGIO EMILIA 13 SETTEMBRE – La riapertura degli scavi archeologici in località Taneto di Gattatico (l’antica Tannetum) dove sarebbestata localizzato un anfiteatro romano riporta di estrema attualità la valorizzazione culturale, storico, turistica dei nostri beni archeologici.

Come Movimento 5 Stelle intendiamo avanzare alcune proposte operative sulle quali avanzeremo atti ispettivi (interrogazioni) e propositivi (mozioni, odg) nelle rispettive sedi istituzionali dove siamo stati eletti.

La “Reggio romana” rappresenta un percorso turistico-archeologico da creare e valorizzare in tutta la nostra provincia. Punto di partenza: abbiamo un casello autostradale a Canossa ed una stazione Tav Mediopadana che dista 1 ora di treno da Milano, Firenze e meno di 3 ore da Roma che sono poli turistici mondiali. Cosa stiamo facendo per attrarre nelle nostre città, terre, colline anche una ‘piccola fetta’ di quei turisti italiani e stranieri? Cosa potremmo fare?

Qualche idea e proposta legata a vari siti e ricchezze.

REGIUM LEPIDI (REGGIO EMILIA) – Presso i Musei Civici esistono reperti di pregio (moltissimi tra l’altro ci risulta sono ancora custoditi nei magazzini dei musei).  Grazie a Duke University e Lions Club Host “Città del Tricolore” dal 2015 i Musei di Reggio ospitano la ricostruzione multimediale in 3D di ‘Regium Lepidi’. Il M5S ha chiesto in consiglio comunale di valorizzare questa novità (è la prima volta che una città romana viene ricostruita interamente in 3D) e proporla ai turisti italiani e stranieri. Presso i Giardini Pubblici (Parco del Popolo) esiste anche un altro monumento di pregio di epoca romana, il Monumento dei Concordi. Ultimamente è stato ipotizzato che nel Parco, già Cittadella della città prima della distruzione, potrebbe esservi localizzata una arena romana. Perchè non creare tramite audio guide un percorso tra i Musei Civici e l’adiacente Parco del Popolo attraverso la “Reggio romana” e magari riaprire pure il pezzo di via Emilia romana aperto e poi ‘ricoperto’ qualche anno fa? A Reggio Emilia altri poli attrattivi possono essere rappresentati dalla Reggia Ducale di Rivalta (ristrutturandola e ricreando il giardino, progetto a lungo termine da noi proposto in campagna elettorale) che era la copia della Reggia di Versailles e i Teatri (rilanciando la loro programmazione).

LUCERIA (Canossa) : Il sito archeologico di Luceria a Canossa, finalmente inaugurato nel 2014  e riaperto questa estate dopo lunghe vicissitudini (denunciate nel M5S in Regione nel 2011 e legate anche a cementificazioni assurde compiute nelle vicinanze del sito dalle Giunte)  andrebbe maggiormente valorizzato, integrandolo al rilancio del circuito delle Terre matildiche (Castello di Canossa) ed all’interno di in un circuito provinciale legato alla “Reggio romana“.

TANNETUM (S. Ilario- Taneto) – Gli scavi annunciati in questi giorni potrebbero regalarci un gioiello di Storia, ma andrà valorizzato ed inserito all’interno di percorsi ben definiti evitando il rischio “anfiteatro nel deserto”.

 ‘SELVA LITANA’ : CREAZIONE BOSCO-PARCO STORICO Dopo i recenti studi presentati anche nel 2014 , che individuano nella zona di Reggio Emilia-Sant’Ilario, l’area dove si combattè la battaglia della Selva Litana tra Galli Boi e Romani, si potrebbe ricreare una parte dell’ area boscata di allora con essenze autoctone, dando vita ad un un parco-bosco storico. Il progetto che potrebbe essere finanziato anche attraverso i progetti di “rimboschimento” finanziati dalla Regione Emilia Romagna con il nuovo piano votato a giugno anche dal M5S In questo modo si unirebbero storia, ambiente, turismo.

BRIXELLUM (BRESCELLO)  Il Museo Archeologico Romano di Brescello va anch’esso valorizzato e rilanciato all’interno sul percorso su base provinciale dedicata alla “Reggio romana”.Con Brescello si valorizzerebbe al tempo stesso il Po e l’area ‘guareschiana’.
All’estero, abbiamo esempi vincenti. Pensiamo alle cittadine francesi già romane di Arles, Nimes e tantissime altre con siti archeologici minori eppure valorizzati in maniera eccezionale.

Oppure in Spagna pensiamo al piccolo ma importantissimo sito archeologico di Numantia (noto per la battaglia tra celtiberi e romani) e che fa da volano per tutta la zona. In questi paesi ogni sito archeologico viene valorizzato creando ricchezza culturale ed economica per il territorio legandolo a miti e storie. Da noi, che in ogni angolo d’Italia abbiamo il patrimonio storico forse più importante al Mondo, non riusciamo a dare la giusta importanza a questo tesoro. Dobbiamo crederci, i turisti anche stranieri saprebbero apprezzare la valorizzazione della nostra Storia, unita insieme alle nostre eccellenze culinarie che non hanno certo rivali nel Mondo e le bellezze della nostra collina e al fascino del fiume Po.

La discussione è aperta.

Maria Edera Spadoni,  

cittadina alla Camera dei Deputati

Movimento 5 Stelle

Gian-Luca Sassi

Capogruppo M5S all’Assemblea Legislativa dell’Emilia-Romagna

Movimento 5 Stelle

Ivan Cantamessi

Capogruppo M5S Comune di Reggio Emilia

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.