Condomini a 5 stelle: per risparmiare energia, acqua, rifiuti e vivere bene insieme!

Mozione in consiglio comunale e nelle circoscrizioni Nord Est e Ovest per creare il progetto “Condomini a 5 Stelle”. Dalle assemblee di condominio parte il cambiamento per risparmiare acqua, energia, riciclare i rifiuti, aiutarsi e scambiarsi oggetti.

condomini

Una mozione in Consiglio comunale presentata da Matteo Olivieri e nelle circoscrizioni Nord Est con Davide Valeriani e nella Ovest con Vito Cerullo per promuovere un progetto con amministratori di condominio, associazioni ambientaliste, agricoltori, gruppi di acquisto solidale , cittadini per introdurre le buone pratiche nei condomini partendo dalla discussione condivisa nelle assemblee condominiali: riduttori di flusso per il risparmio idrico, raccoglitori acqua piovana, compostaggio domestico di condominio di scarti di frutta e verdura in giardino, piani per il risparmio energetico-calore, punti internet in comune dove i giovani insegnano agli anziani il web, creare gruppi acquisto solidale di condominio per acquisto di frutta e verdura, scambiarsi gli oggetti e tornare a condividere  molte azioni (pulizia, piccolo giardinaggio) portando ad un risparmio economico per il condominio come succedeva una volta con il buonsenso dei nostri nonni.

ADERISCI AL GRUPPO FACEBOOK “CONDOMINI A 5 STELLE”

MOZIONE

– La vita di condominio rappresenta il centro delle attività quotidiane di una larga parte della popolazione, intervenendo sia sulla coesione sociale che sui redditi dei cittadini;

-Il Comune di Reggio ha avviato positive esperienze di feste di vicinato e progetti per il rispetto delle regole nei condomini;

-La vita e gestione condominiale riguarda anche altri importanti aspetti sui quali si puo’ incidere, attuando risparmi e vantaggi economici, sociali e di relazione: dal risparmio energetico, a quello idrico, alla riduzione dei rifiuti ed il loro riciclo e riuso, la gestione condivisa di spazi verdi e luoghi, fino alla stessa promozione di gruppi di acquisto solidale;

Considerato che:

– Numerose sono le azioni che possono essere avviate per realizzare risparmi e favorire una migliore convivenza nei condomini;

– Sono buone pratiche la distribuzione e l’installazione di riduttori di flusso per i rubinetti, raccoglitori di acqua piovana per il giardinaggio e il lavaggio delle auto;

– La presenza di computer di condominio negli spazi comuni coinvolgerebbe i giovani nell’insegnamento ai più anziani nell’uso delle nuove tecnologie ed internet;

– La promozione di acquisto solidale di condominio, anche per specifici bene di facile rendicontazione e distribuzione, come i generi alimentari, favorirebbe una coesione e una responsablità sociale maggiore;

– Sono buone pratiche i piani per il risparmio energetico del condominio, con la redazione di audit energetici che consentano ai condomini di valutare quali azioni intraprendere per risparmiare energia;

– L’intervento di soggetti privati, sotto forma di Energy Service Companies, è in grado di anticipare i capitali per gli investimenti volti al risparmio energetico, che in presenza di chiari audit energetici trova il condominio correttamente informato sul rapporto investimenti e ritorno del capitale;

– l’inserimento di compostiere condominiali negli spazi verdi (per scarti di frutta e verdura) con sconti in tariffa è una misura già promossa ma dalle altissime potenzialità nella riduzione dei rifiuti conferiti, oltre che un indubbio vantaggio per gli utenti;

– in grandi complessi condominiali è opportuno inserire, laddove non presenti, posti bici e rastrelliere con adeguati sistemi di copertura contro gli agenti atmosferici e di sicurezza contro i furti;

– lo scambio di oggetti usati può essere un veicolo, all’interno del singolo condominio o in micro ambiti di quartiere, sia di un minore conferimento di rifiuti, sia di una integrazione reddituale, sia di una gestione comune di piccole entrate economiche da reinvestire in progetti comuni per il proprio condominio;

Ritenuto che:

– un’attenta valutazione delle azioni già messe in atto dall’Amministrazione e delle modalità di coinvolgimento dei consessi condominiali può essere oggetto di apposite sedute nelle Commissioni Consiliari competenti;

– è necessario un coinvolgimento delle Associazioni attive in materia di ambiente, coesione sociale, promozione della pacifica convivenza e della qualità di vita nei quartieri;

Il consiglio comunale invita la Giunta a:

– Discutere in sede di Commissione Consiliare, aperta a tutti i gruppi interessati (amministratori condominiali, associazioni ambientaliste, agricoltori, gruppi acquisto solidale) l’avvio di un progetto educativo che coinvolga cittadini e volontariato per avviare le pratiche dei “Condomini Virtuosi” dal punto di vista energetico, idrico, solidale a Reggio; – inserire nei progetti di diffusione delle buone pratiche ambientale e di coesione sociale rivolti ai condomini specifiche iniziative di promozione dei “Condomini virtuosi”.

Matteo Olivieri
Consigliere Comunale

Davide Valeriani
Consigliere Circoscrizione Nord Est

Vito Cerullo
Consigliere Circoscrizione Ovest

Comments:18

  1. La mail inviata al presidente ed ai capigruppo per presentare la mozione:
    Egregio Presidente, Egregi Consiglieri Capigruppo
    questa mia per presentarVi un’iniziativa che tende a coinvolgere i cittadini, le associazioni presenti sul nostro territorio e le imprese con la politica del “fare”. Non abbiamo potere legislativo ed esecutivo come un consiglio comunale ma queste piccole azioni possono arrivare a migliaia di persone condizionando le loro scelte quotidiane rendendo esponenziale la valenza delle conseguenze socio-economiche-ambientali che ricadrebbero sulla comunità.
    Disponibile per chiarimenti.
    Auguro buon lavoro a tutti
    Vito Cerullo
    Consigliere per Reggio 5 Stelle

  2. Complimenti a questo assessore Berti, dovete essere veramente fieri a Reggio ad avere un dipendente pagato con i vostri soldi che ha rinunciato ad una fiorente carriera da pagliaccio per servire la collettività.

    Sono convinto che un così illustre assessore avrà una brillante carriera politica, in mezzo ad altri cialtroni come lui.

    Forza Ragazzi, siamo con voi.

  3. Complimenti! Contro l’abbrutimento moderno degli italiani, dargli da fare qualcosa di costruttivo in comune é l’unica via per riportare ragione e normalità in questo Paese. Idea bellissima e lungi dall’essere utopica. Se fossi di Reggio Emilia (sono di Roma ma invidio sanamente quanto siete avanti in quella città) voterei per questa lista.

    P.S. bellissimo il Tag Cloud di questo tema per WordPress, potreste farmi avere per mail dettagli al riguardo?

  4. Dalle piccole cose nascono le grandi, da ogni idea ne può nascere un’altra, ogni cosa che aggrega costruisce altri momenti di aggregazione. Tutto questo fa muovere nel bene o nel male la nostra vita. Se anche davanti a cose così ovvie e semplici qualcuno non le recepisce bisogna continuare a lavorare per quelli che invece le assimilano.
    Lasciamo a Berti le sue idee e lasciamolo nella sua cecità ottusa non credo che la sua mentalità possa produrre qualcosa che serva a noi tutti.
    Lasciamo a Bert quel che è di Berti, il vuoto per nn dire parolacce.

  5. Bellissima iniziativa.

    Potreste stilare una lista di azioni (aggiornabile) in maniera tale che tizi come me (con poca immaginazione) possano prendere idee da essa?

    Ancora complimenti.

  6. un altra best tech….il tanto pubblicizzato da GRILLO impianto di cogenerazione <20kW…(quindi collettivo ; condomini o quartieri)
    ma, tutto da capire, e ve lo spiego , cosi potrete spiegarolo a vostara volta……..
    in modo semplice!

    se oggi con un Mc di metano tiri (a memoria che e' "scarsa") 36Mj riscaldando con la caldaia;
    ci sono sitemi di cogenerazione che rendono il 50% di energia elettrica…
    significa 18Mj in energia elettrica (=5kWh) nb: 1kWh = 3 600 000J
    e 18 Mj in calore…..

    con i 5kWh elettrici , usando la pompa di calore hai un COP4 (circa)
    anche SENZA SONDE GEOTERMICHE…
    significa estrarre dall ambiente 72Mj termici
    (piu i diciotto MJ di prima, scartati dalla centrale)

    la resa del gas e' SUBITO 2,5 volte l'uso diretto…
    quindi pompa di calore per scaldare sia la casa che l'acqua sanitaria (e cucina ad induzione…cosi si stacca il gas al domicilio!

    assieme, un NO secco…alle caldaie a condensazione!
    un saluto da mirco sangalli Mu bergamo, 1 milano e 888

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *