Condanna senza se e senza ma, il clima però è una balla

duomoinminiaturacontrominiaturaduomo

Tristissimo Consiglio Comunale del 14 dicembre 2009.

Dopo aver ben cominciato con risposta positiva dell’Assessore Gandolfi ad un potenziamento del car pooling (su questo vi farò un resoconto completo) il Consiglio è cominciato e finito prestissimo, in quanto c’era l’udienza del vescovo, e si è parlato solo del caso Berlusconi.

Il PDL ha presentato un documento dignitoso di condanna della violenza perpetrata ai danni si Silvio ‘u curtu, e non ho avuto esitazione a dichiararmi a favore. Poi, siccome cominciavano ad aleggiare filippiche sul “clima avvelenato”, culminate con un arringa di Alessandri in pieno stile socialista d’antan (la Lega è infatti ricopre a pieno titolo il ruolo del vecchio PSI negli equilibri di governo) ho smontato la questione del clima.

Ho cominciato ricordando che è impossibile stabilire il punto iniziale: il G8 di Genova? Dove donne e bambini inermi furono picchiati per una strategia congegnata da alcuni facinorosi e dai soliti pezzi di Stato pronti a fomentare e picchiare?

Le dichiarazioni dello psiconano: “Se trovo chi ha scritto La Piovra lo strozzo“.

La violenza ingiustificata e criminale dello Stato ai danni di Stefano Cucchi, difesa ed osannata dal minorato Carlo Giovanardi, quando tutti hanno visto che quel povero ragazzo è stato massacrato di botte.

Da tutto ciò discende che è inutile una discussione sul clima avvelenato, perchè impossibile stabilire chi ha cominciato, quali sono le responsabilità, chi deve cedere per primo. Noi ovviamente abbiamo le nostre idee.

Gandhi, fautore della non violenza, professò la disobbedienza civile, cioè il più duro contrasto a qualsiasi forma di Stato e di Governo. Qua si vorrebbe impedire a cittadini ed organi di stampa di denunciare ciò che è palesemente contro la legge, Berlusconi stesso.

Ho quindi lanciato uninvito e delle proposte per Reggio Emilia. Che il Sindaco sia chiaro nel difendere il diritto a manifestare, che non sia invitato Schifani presidente del Senato alle celebrazioni del Tricolore che si terranno il 7 gennaio.

Comments:7

  1. per la verità sono le stesse identiche cose che ho detto in aula , mi ero preparato una scaletta. Ho detto anche che era ancora più grave in quanto contro un anziano di 74 anni, un vecchietto insomma, mentre ho tralasciato un punto, cioè un vecchieeto “in pieno disfacimento fisico e morale”, non volevo scaldare il clima, nella speranza che si arrivasse a parlare di altre cose.

  2. Bravissimo Matteo!
    Stamattina mentre prendevo il caffè leggevo sui giornali locali di una maggioranza che scricchiola, di toni accesi in Consiglio comunale, di gente che urlava “fuori i dipietristi”, ecc. ecc…..
    Mi mancava questo tuo semplice resoconto per ILLUMINARE ciò che, per me, cittadino reggiano, è realmente accaduto: nulla. Chi leggerà i giornali stamattina, come sempre, non capirà e penserà ancora una volta che ci sono cose più importanti dei suoi problemi. In realtà i suoi problemi, magari il fatto che sta perdendo il lavoro, sono e restano i VERI problemi. Non il clima, che è solo la punta dell’iceberg.

  3. Buongiorno,
    sono di Reggio e vi ho votato alle ultime elezioni(prima votavo idv).
    Non condivido assolutamente il voto dato per la solidarieta’ a Berlusconi, non perche’ non sia giusto, condanno la violenza in ogni sua forma, ma perche’ in questo modo avete anche voi sottolineato le parole di Alessandri piene di odio e di associazioni di idee e fatti completamente sbagliate e comunque penso (e spero!)al di fuori dei pensieri di chi si è unito a questo movimento.
    Per me in questo caso sono d’accordissimo con il consigliere Riva che se ne è andato e mi dispiace tantissimo che siate caduti nel tranello di politicanti senza scrupoli, che pur di avere un voto in piu’ alle loro idee mettono alla fine di un discorso xenofobo e antidemocratico la solidarieta’ a Berlusconi.
    Ma lo sa, sig.Olivieri, che lei firmando ha sottoscritto anche le parole di Alessandri?
    Mi scusi tanto ma non mi sento rappresentata da questo voto, perchè
    per me è molto importante, quando ci sono questi bruttissimi segnali nell’aria, capire bene da che parte stare e lottare per cio’ che si crede.SEMPRE.

  4. Gentile Carla, mi dispiace di averla delusa. Solo vorrei specificare che in aula noi votiamo degli atti, non parole o dichiarazioni di questo o di quello. Le dichiarazioni che contano sono le proprie per esprimere atteggiamento e motivazioni, e le mie le può leggere qua sopra. Il documento a me è parso dignitoso: trattandosi di un articolo 20 presentato all’ultimo momento potrei essermi anche sbagliato, ma non credo. In quanto all’atteggiamento del consigliere Riva soprassediamo……ha unicamente, in concreto, chiesto di votare a scrutinio segreto per non palesare la sua scelta. Non mi sembra un Riccardo Cuor di Leone!!

  5. A proposito signora Carla, dimenticavo una cosa importante: io non ho ascoltato il discorso di Alessandri perchè dopo 10 parole ha detto “il clima che si respira” e “attacchi vergonosi a Berlusconi” e io sono uscito dall’aula durante il suo intervento, non valeva la pena sentire quelle false banalità. Peraltro le parole di Alessandri non sono state riportate, a quel che mi risulta, su nessun organo di informazione, nè quotidiano nè di altro tipo, nello spirito di tutto il consiglio (meno Riva) di abbassare i toni e parlare di cose che riguardassero Reggio (bisogna stare attenti a tante conse, ad esempio come si spendono i soldi visti i tanti disoccupati, ad esempio). Le chiedo pertanto come fa a sapere così bene delle parole vergognose di Alessandri perchè anch’io non le conosco. Se per caso era in Consiglio miispiace davvero tanto: io invito sempre i cittadini a partecipare, come può vedere anche dagli ordini del giorno prontamente pubblicati, e nel caso lei fosse in aula non eiti a richiamare la mia attenzione, io sarò pronto ad uscire e a parlare con lei, anche a mettermi d’accordo e spiegarle in diretta, a farle vedere i testi degli atti, insomma, tutto quelo che si può fare. Ecco, mi faccia sapere come fa a conoscere così bene le parole di Alessandri e se era in COnsiglio, così la prossima volta possiamo assieme studiarci bene cosa fare. Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *