Chi siamo: lo abbiamo detto all’ANPI

giornaleANPI

Nel numero di luglio del “Notiziario”, (rivista mensile dell’ANPI), il rubrichista Claudio Ghiretti, consigliere PD della circoscrizione centro storico, inseriva la nostra lista tra quelle “personali, semplici espressione di ambizioni velleitarie e privatistiche, [che] sono state spazzate via dagli elettori reggiani”.

Abbiamo ritenuto tale giudizio un tantino discutibile, e abbiamo quindi inviato una replica che ci è stata pubblicata sul numero odierno con ampio risalto, per il quale ringraziamo ovviamente la redazione.

QUI il botta e risposta tra noi e il Ghiretti.

Sottolineiamo un paio di punti da chiarire.

1) Noi non facciamo parte  degli “assedianti di destra”, il non essere alleati di Delrio non è ragione sufficiente per collocare a destra (o a sinistra) l’avversario. Il quale è legittimato dalla Costituzione e non dal risultato delle urne o dalla sua fazione.

2)Possiamo esser d’accordo che uno dei significati del far politica sia trovar la capacità di leggere la società e unire le forze per prevalere e realizzare il proprio programma, ma riteniamo che, alla luce dei recenti risultati, il PD non sembra star capendo molto.

Comments:4

  1. Grande Marmiroli! Tra l’altro quel Ghiretti è quello che sparava contro la raccolta differenziata porta a porta. FUORI DALLA STORIA!

  2. Desidero precisare che “quel Ghiretti”, cioè io, non ha mai sparato contro la raccolta differenziata, per il semplice motivo di essere sempre stato favorevole. Quel che ho, a suo tempo, sostenuto e che ritengo, tuttora attuale, è che per estenderla al centro storico fosse necessaria una modalità diversa rispetto a quella adottata in periferia. Occorre, cioè, un approccio specifico per la tipologia abitativa tipica del centro, probabilmente mediante una modalità semplificata.
    Con questo spero di essere riammesso, almeno con riserva, “DENTRO LA STORIA.”
    Cordiali saluti
    Claudio Ghiretti

  3. Gentile Ghiretti, considerato che il commento non è firmato in maniera completa mi scuso perchè non è verificabile la fonte. La ringrazio per la precisazione e la invito anzi ad avanzare eventuali proposte. Nel frattempo le consiglio questo video dove si dimostra come a Parma, in centro storico, non hanno problemi con lo stesso metodo delle altre zone. http://www.youtube.com/watch?v=97zC2PEML7A
    Almeno sulla carta il sistema bidoni è lo stesso. Personalmente vedo là, quotidianamente, un normale svuotamento. CHe poi in alcuni stabili ci possano essere i raccolgietori condominiali di maggiori dimensioni beh, questo in realtà c’è già anche nell’attuale sistema.

  4. Ghiretti il porta a porta si puo’ fare anche in centro storico. E’ ideologico chi difende vecchi sistemi inventando balle che si sentono oramai solo a Reggio. Si guardi il video di Parma. Ma comunque Olivieri ha fatto l’esempio Parma ma io le posso portare anche l’esempio di grandi metropoli: da Milano a Parigi. Ha notato poi che nel nostro centro storico oggi non c’è un solo bidone seppur stradale per l’organico? Idem per la plastica (che tanto piace agli inceneritori…brucia bene!).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *