Caso P3, Reggio coinvolta

La nuova P2, quella di Cosentino, Verdini, Dell’Utri, Flavio Carboni ed ogni ben di Dio, tocca anche Reggio, con alcuni esponenti di alto livello delle istituzioni contattati. Abbiamo inviato un comunicato per esprimere viva preocupazione. Basta con le P2, basta con le stragi basta con le P3, basta coi depistamenti, viva la libertà e la democrazia.

La nuova P2, quella di Cosentino, Verdini, Dell’Utri, Flavio Carboni ed ogni ben di Dio, tocca anche Reggio, con alcuni esponenti di alto livello delle istituzioni contattati. Abbiamo inviato un comunicato per esprimere viva preocupazione. Basta con le P2, basta con le stragi basta con le P3, basta coi depistamenti, viva la libertà e la democrazia.

Il coinvolgimento della nostra città è, soprattutto, nei contatti che la nuova cricca, “sfigati” come dice Silvio pericolosissimi (uno è suo amico di gioventù, Dell’Utri), ha intrattenuto con Celestina Tinelli, membro del Consiglio Superiore della Magistratura, indicata da Fassino, avvocato reggiano di spicco. Da qui la speranza che si faccia chiarezza rapidamente e si sgomini questa nuove strttura parallela antidemocratica.

Caso P3, viva preoccupazione per gli sviluppi che coinvolgono Reggio

Una nuova rete di potere occulta nelle scelte, ma spavalda nel condizionare tutti i poteri dello Stato, ci riporta indietro nel tempo

Il momento ricorda quello dei momenti più bui del nostro Paese. Reggio e la nostra Regione hanno già pagato abbastanza

La vicenda che sta emergendo dalle indagini sulla cosiddetta P3 riporta il nostro Paese indietro di 30 anni. Gli intrecci tra politica ed altre istituzioni dello Stato, la presenza di regie occulte volte a sovvertire l’ordine democratico, la violazione del legittimo diritto dei cittadini ad essere governati con trasparenza, ritornano, ritornano, come negli anni di piombo. Anni in cui la nostra città ha pagato un prezzo troppo alto non solo alle ideologie, ma, come tutta la nostra Regione, anche ad episodi più o meno oscuri in cui la mano di istituzioni deviate e gruppi di potere ha curato interessi diversi da quelli dello Stato democratico. Stragi, depistamenti, appoggi illeciti e apparati paralleli di comando ci ricordano le pagine più tristi, a cui la nostra comunità deve reagire. Il coinvolgimento che sembra interessare esponenti politici ed altri poteri dello Stato, anche reggiani, deve ricordarci che non possiamo più intraprendere la strada delle mezze verità. L’appoggio al lavoro della Magistratura inquirente da parte del MoVmento 5 Stelle è totale e incondizionato. Facciamo inoltre un appello a chi è coinvolto in questa vicenda affinché collabori, celermente e con efficacia, con gli inquirenti, così da consentire lo smantellamento dei gruppi di potere che, di nuovo, minacciano la nostra democrazia.
Matteo Olivieri
Consigliere Comunale
Lista Civica Reggio 5 Stelle  – MoVimento 5 Stelle

Comments:0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *