Canali – la variante incompiuta

Una segnalazione di un cittadino ciclista spalanca le porte su una dimostrazione di pressappochismo dell’amministrazione comunale che, impegnata a migliorare il record di città con più piste ciclabili del paese, continua ad allungarle senza preoccuparsi di farle bene.

Stiamo parlando delle piste ciclabili della variante di Canali e del collegamento con Baragalla. Piste belle e illuminate da lampioni, che scorrono da ambo le parti della strada immerse  nella campagna e, grazie a terrapieni e boschetti, ancora giovani, quasi non ci si accorge di essere a un paio di metri da uno stradone. A vederle cosi sembrano il non plus ultra in fatto di percorsi ciclabili, tanto che ci scappa un applauso a chi le ha pensate.

Poi però smetti di contemplarle e provi a usarle per spostarti davvero, li iniziano i guai. Quali è presto detto, pare che tra lampioni e alberelli fossero finiti i soldi per fare le strisce ciclo-pedonali. Le piste sono infatti isolate, non collegate tra loro come dei tronconi incompiuti che finiscono in mezzo al nulla.

Cominciamo il nostro viaggio da Casale di Rivalta, la famosa rotonda a otto e, passato il ponte ci mettiamo in viaggio verso Canali. Arriviamo alla prima rotonda sulla Variante e troviamo il primo ostacolo: se dalla ciclabile sul lato sinistro vogliamo passare dal lato di Albinea la pista ci porta proprio nella rotonda, ma poi nulla. Finisce sull’asfalto e non possiamo in nessun modo raggiungere l’altra parte, se non a nostro rischio e pericolo. Niente strisce ovviamente.

Stiamo solo facendo una corsetta, quindi perché rischiare? Deviamo verso via Tassoni, passiamo sotto il cavalcavia e va tutto bene fino a che arriviamo alla rotonda di viale Piacentini e ci rimaniamo di sasso. La ciclabile – di nuovo – ci finisce proprio dentro come se fosse strada per auto. Mi guardo intorno, dall’altro lato della rotonda riprende la ciclabile, ma per raggiungerla devo immettermi con la bici dentro la rotonda, sperando che le auto, che li corrono forte, mi vedano e rallentino, dato che sono obbligato a percorrere la rotonda proprio come loro. Idem se volessi andare verso la città, su viale Luxembourg dove riprende la ciclabile. Non c’è il collegamento e nemmeno le strisce, dovrei passare per i campi o stare sul ciglio della strada.

Prendo un paio di strombazzate da parte degli automobilisti e mi butto nel traffico. Raggiungo l’altro lato e torno indietro sino al ponte di via Serra. Anche qui la ciclabile finisce in mezzo alla strada e non ci sono, da entrambi i lati del ponte, le strisce, ma per fortuna è poco frequentata. Vado avanti verso Albinea e ammiro il paesaggio un po’ campagnolo un po’ già urbano e arrivo alla rotonda con via Tassoni, stavolta a sud di Canali. Anche qui se volessi andare verso la frazione niente da fare per attraversare, devo arrangiarmi, ma in ogni caso poi non c’è ne marciapiede ne ciclabile e vengo sfiorato dalle auto. Inutile dire che anche sull’altro lato della variante la pista  muore contro la strada.

Si conclude il mio viaggio in questa opera incompiuta, fatta di tronconi lasciati isolati a fianco delle strade. In tutto ho contato almeno 9 attraversamenti ciclo-pedonali mancanti e 2 ciclabili che finiscono dentro una rotonda.

Un vero peccato, dato che sono piste per il resto davvero ben fatte, e mi vien da pensare alla solerzia sprecata dell’assessore Gandolfi, rapidissimo ad intervenire in difesa dei ciclisti lungo la semi-deserta via della Rivaltella, ma in grande ritardo su strade ben più pericolose.

RASSEGNA STAMPA (1) (2)

Comments:1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *