/ maggio 7, 2009/ Autobus, Edilizia - Urbanistica/ 2 comments

Ho letto i primi stralci del Masterplan dell’area Nord. Delrio è in preda alla “Calatravite” un virus della costosa inutilità che ha contratto dalla Spaggiari e Filippi. E’ veramente un non senso un accordo con Autostrade affinché la vendita del casello serva per coprire i costi di 3 milioni di euro per costruire una costosissima ed alquanto inutile (seppur bella) pensilina al casello firmata Calatrava. Avanzo come candidato sindaco della Lista Civica 5 Stelle Beppe Grillo già da ora una osservazione-controproposta che ricalca la nostra posizione sull’aerea Nord espressa a metà marzo.

Si fermi l’appalto per la pensilina del casello autostradale firmato Calatrava e si ridiscuta con Autostrade l’accordo. Invece di spendere questi 3 milioni di euro per una pensilina firmata Calatrava (non bastano i tre ponti e la Stazione Calatrava qui ha trovato i polli da spennare…) si destini questa cifra come prima “pietra” per creare a Reggio Emilia nella zona Nord un Centro Europeo Telematico per la mobilità, che servirà per programmare la mobilità pesante su gomma in modo che i camion girino sulle autostrade solo se pieni. Far viaggiare i camion pieni (oggi il 50% gira solo con metà carico) significa meno inquinamento per tutto l’asse dell’Autostrada del Sole (Reggio inclusa), meno camion, meno incidenti, minori costi e danni sociali e sanitari, mobilità intelligente. Penso sia un progetto piu’ d’avanguardia ed europeo per Reggio che una nuova inutile pensilina firmata Calatrava.

2 Comments

  1. Pingback: Calatrava, nuova pensilina al casello autostrada | Elezioni Reggio Emilia 5 stelle

  2. Pingback: 3 milioni e mezzo per una pensilina, alla faccia della crisi | Reggio Emilia 5 stelle Beppe Grillo

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*
*