Aspirante fotomodello ti programma il futuro: bla bla bla

Un aspirante fotomodello siede sullo scranno più alto della città: obiettivo, per l’uomo che non deve chiedere, mai. Perchè se il sindaco Delrio si facesse qualche domanda, sulle distanze siderali che ci sono tra le sue parole e la realtà, se si rendesse conto quanto potrebbero avere in più, e quanto potevano avere in più, i reggiani, con una politica economica, e delle competenze al governo, si potrebbe mettere a piangere. Ma poi, si sa, piangere rovina l’immagine.

Un aspirante fotomodello siede sullo scranno più alto della città: obiettivo, l’uomo che non deve chiedere, mai. Perchè se il sindaco Delrio si facesse qualche domanda, sulle distanze siderali che ci sono tra le sue parole e la realtà, se si rendesse conto quanto potrebbero avere in più, e quanto potevano avere in più, i reggiani, con una politica economica migliore, e vere competenze al governo, si potrebbe mettere a piangere. Ma poi, si sa, piangere rovina l’immagine.

Sulla home page del Comune, laddove tutto ciò che è estraneo alla propoganda non viene rappresentato, o se viene rappresentato è caldo come il cuore di un iceberg, campeggia oggi un’immagine degna del Festival di Cannes. Ricorda più Alain Delon stanco per i party della croisette, o Giuliano Gemma dopo un epico maccheroni western?

Il Sindaco lancia la “vision”: fare un bilancio del Comune come base per un “nuovo patto per la crescita”. Bravo, i reggiani vogliono proprio che la loro città cresca, dopo essere raddoppiata in pochi anni.

Ma veniamo ai contenuti del novello Delon.

“Con ‘crescita intelligente’ intendiamo lo sviluppo dell’economia della conoscenza”: per chi ha massacrato la città con un’economia basata su pala e cazzuola, cominciamo con la farsa. Vediamo cos’è per lui conoscenza.

“Le nostre competenze distintive ed eccellenze […] le energie rinnovabili”: è falso, Reggio non ha alcuna eccellenza nelle energie rinnovabili, non che siano legate all’azione del Comune, almeno. Il sindaco fotomodello è andato a reclamizzare questa eccellenza persino in Cina, leader mondiale nella produzione di energie rinnovabili, tanto si autoconvince di essere figo. Purtroppo il Comune di Reggio è stato uno dei pochi in Italia a non installare neanche un pannello nel 2010 con gli incentivi più alti della storia. Purtroppo il Comune di Reggio ha uno dei sistemi di trasporto pubblico più inefficienti della nostra Regione, grazie alla sapiente gestione Malagoli. Purtroppo a Reggio si continuano a costruire case di cui anche gli antichi Romani si sarebbero vergognati.

“Per quanto riguarda la “crescita sostenibile” […] il TMB”: ci sono volute battaglie dissanguanti di Reggio 5 Stelle per far capire al bell’addormentato che coi rifiuti si può produrre energia senza bruciare, per lui l’unica cosa importante era cementificare un enorme quantità di terreno  in piena campagna, in quel di Gavassa. Proprio oggi viene smentito dal Sindaco di Correggio Marzio Iotti, che spiega come il TMB possa essere costruito anche a Carpi, con un costo molto inferiore, e di fianco ad una discarica. Una Caporetto.

“Nell’anno del 150° anniversario dell’Unità d’Italia vogliamo far nascere, dentro queste linee, 150 idee imprenditoriali innovative”: l’unico suggerimento pervenuto al Sindaco, che alle spalle aveva l’interesse dei cittadini, è finito in una risposta ad una nostra interrogazione. Contenuto: non è interesse del Comune promuovere queste iniziative imprenditoriali.

Miserere.

Comments:1

  1. Mi meraviglierei se un cattolico integralista avesse qualche idea innovativa!
    La sua prossima iniziativa sarà l’assalto alle scuole dell’infanzia: puzzano troppo di laico, e alle gerarchie vaticano questo non piace, come Disgraziano ben sa.
    Che, sia ben chiaro, può contare sull’appoggio di quel cenacolo di sifilitici neodemocristiani chiamato Pd…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *