ARENA CAMPOVOLO: PER VECCHI (PD) ROTARY SI, CITTADINI NO

ARENA CAMPOVOLO: M5S, VECCHI (PD) PRESENTA IL PROGETTO AL ROTARY E DIMENTICA I CITTADINI DI SANTA CROCE E GAVASSA
 
Con il bando ancora aperto il sindaco evita il confronto con i cittadini. Interrogazione in consiglio e richiesta di convocazione di una Commissione da svolgersi nei quartieri più interessati: Santa Croce e Gavassa. Come verranno gestiti traffico, rifiuti e parcheggi?
REGGIO EMILIA 14 GIUGNO – Vecchi sempre più lontano dai cittadini. Il bando per l’assegnazione dei lavori scadrà il 20 giugno e ancora nessuno è andato a spiegare il progetto ai cittadini dei quartieri di Santa Croce ma anche Gavassa che verranno interessati da un piano così ambizioso e impattante. Il Sindaco Vecchi , parla con il Rotary (serata del 7 luglio condotta da Lauro Sacchetti), ma non ha ancora riunito i cittadini delle zone di Santa Croce e Gavassa per fornire tutti i dettagli.
Le preoccupazioni, da parte di chi abita nelle zone limitrofe sono notevoli. Quali ricadute ci saranno in termini di aumento di traffico? Quali misure sono state prese per evitare che le strade si intasino nei giorni dei concerti?
Il 24 marzo l’Assessore Pratissoli aveva specificato che :
“Per quanto attiene la mobilità sono stati individuati, fin da subito, le viabilità di accesso e uscita e i parcheggi a servizio dell’area. In particolare, la possibilità offerta da Enac di utilizzare parte dell’area operativa come parcheggio temporaneo garantisce la totale autonomia dell’Arena rispetto alle zone circostanti per tutti gli eventi inferiori alle 30.000 persone. Vale a dire che sotto le 30.000 presenze agli eventi, l’impianto – grazie alla novità dei parcheggi realizzati temporaneamente nell’area operativa – è completamente autosufficiente rispetto alla sosta e non interferisce con il resto della città”.
Quindi occorrerebbe spiegare ai cittadini
– quante auto potranno entrare nel parcheggio previsto nell’area operativa del Campo volo
– da dove passeranno queste automobili
– dove saranno collocati i parcheggi per gli eventi che prevedono più di 30.000 presenze,
– qual’è la capienza massima di auto prevista nei parcheggi
– di chi saranno i parcheggi e da chi saranno gestiti
– se saranno a pagamento e di chi saranno gli introiti
– come sarà assicurato l’accesso ai parcheggi esterni,
– quali saranno le ricadute di traffico per i quartieri limitrofi all’arena,
– quale impatto ci sarà sulla qualità dell’aria causato da un aumento così consistente della automobili (considerando che partiamo da una situazione di aria pessima).
-Quale sarà la gestione rifiuti degli eventi. Il modello è quello fallimentare organizzato da Iren per i concerti di Ligabue (percentuali ridicole di differenziata e produzione abnorme di rifiuti) o si vorrà strutturare l’obbligo di riduzione rifiuti (solo materiali compostabili e riciclabili etc) e raccolta differenziata obbligatoria con punti presidiati in tutta l’area e obbligo degli organizzatori di sensibilizzazione del pubblico (anche con campagne sul palco).
Per avere risposta a tutte queste domande ho presentato un’interrogazione e chiederò la convocazione di una commissione nei quartieri (una commissione aperta al pubblico a Santa Croce ed una a Gavassa) , di modo che i cittadini interessati possano partecipare e ascoltare quanto verrà spiegato
Alessandra Guatteri
Gruppo Consiliare Movimento 5 Stelle
MoVimento 5 Stelle – Reggio Emilia

Comments:0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *